Polonia, soldato ferito. La crisi continua ai confini con la Bielorussia

Polonia, soldato ferito ai confini con la Bielorussia. Non vede la fine l'orrore e l'inciviltà umana che si stanno consumando in Europa.

Polonia, soldato ferito: continuano le tensioni e disordini al confine tra Bielorussia e la terra polacca. Il tutto sotto gli occhi dell’Europa che non riesce a risolvere la situazione.

Polonia, soldato ferito

Un soldato polacco è rimasto ferito nella notta tra domenica 12 e lunedì 13 dicembre dopo che un gruppo di migranti illegali attualmente stanziati in Bielorussia ha tentato di farsi strada attraverso il confine del paese con la forza.

Lo ha riferito oggi la polizia di frontiera polacca con un comunicato: “Oggi, nella sezione del confine polacco-bielorusso vicino a Czeremcha, un gruppo di 35 persone ha attraversato con la forza il confine. Un soldato delle forze armate polacche è stato colpito al volto con una pietra. È stato medicato sul posto”, ha detto la polizia di frontiera in una nota.

Polonia e Bielorussia: la crisi non si ferma

La situazione al confine tra Polonia e Bielorussia non sembra trovare una soluzione anzi pare stia addirittura peggiorando.

Non solo poiché migliaia di migranti dal Medio Oriente e dall’Africa hanno cercato di entrare nell’UE dal territorio bielorusso ma anche per le tragedie che si stanno consumando in quei luoghi freddi e gelidi.

Intanto, Varsavia ha rafforzato i controlli alle frontiere, mobilitato ulteriori forze militari e avviato la costruzione di recinzioni di confine. La Bielorussia dall’altra parte non smette di usare i migranti per la sua battaglia politica.