Pensioni marzo in aumento: cambiamenti e tutte le cifre

Pensioni marzo in aumento e diverse novità che sono considerate dall'INPS a partire dal nuovo anno. Ecco cosa cambia.

Pensioni marzo aumento: mese di novità e cambiamenti. Da segnalare che a marzo 2022 le pensioni sono state erogate in anticipo, a partire dal 23 febbraio e fino all’1 marzo, per i pensionati titolari di un Conto BancoPosta, di un Libretto di Risparmio o di una Postepay Evolution. 

Pensioni: cosa cambia

I primi cambiamenti sulle pensioni di inizio anno riguarda l’introduzione dell’assegno unico dal 1° marzo 2022, che sostituisce una serie di agevolazioni per i genitori.

Nel calcolo dei pagamenti in arrivo nel mese di marzo ecco cosa c’è da considerare secondo l’INPS:

  • riconoscimento delle detrazioni per ciascun figlio di età pari o superiore a 21 anni;
  • revoca delle seguenti maggiorazioni:
    • detrazioni previste per i figli inabili;
    • detrazioni previste per i figli minori di 3 anni;
    • detrazioni previste per i nuclei con più di tre figli;
  • revoca delle ulteriori detrazioni pari a 1.200 euro, previste in presenza di almeno 4 figli a carico.

Inoltre, per ottenere la detrazione fiscale per i figli a carico che compiranno 21 anni dal mese di aprile 2022, sarà necessario  presentare una nuova domanda di detrazione.

Pensioni marzo in aumento: tutte le cifre

Il  motivo dell’aumento delle pensioni è l’applicazione delle nuove aliquote irpef, chesono le seguenti per i pensionati: 23% per i redditi fino a fino a 15mila euro, 25% tra 15mila e 28mila euro, e 35% per gli assegni pensionistici legati alla fascia tra i 28mila e 50mila euro.

Infine l’aliquota è al 43% per l’eccedenza oltre quota 50mila euro. Va segnalato anche l’incremento della no tax area per i pensionati fino a 8.500 euro rispetto ai precedenti 8mila euro.

Il magazine dedicato alla piccola e media impresa, Idome ha stilato l’aumento in base alla fascia di reddito. Di seguito  un aumento su base annuale in base al vostro assegno:

  • gli assegni da 1.500 euro avranno un aumento di 39 euro;
  • gli assegni da 2000 euro avranno un aumento di 52 euro;
  • gli assegni da 2500 euro avranno un aumento di 63 euro;
  • gli assegni da 3000 euro avranno un aumento di 74 euro;
  • gli assegni da 3500 euro avranno un aumento di 83,67 euro;
  • gli assegni da 4000 euro avranno un aumento di 93 euro;
  • gli assegni da 4500 euro avranno un aumento di 103 euro;
  • gli assegni da 5000 euro avranno un aumento di 112,92 euro.

LEGGI ANCHE: Riforma Pensioni 2022, ecco la proposta: taglio del 3% e uscita a 64 anni