Mino Raiola, qual è la causa della morte del procuratore?

Mino Raiola, super procuratore di tanti grandissimi campioni, si è spento sabato 30 aprile all'ospedale San Raffaele di Milano

Mino Raiola si è spento all’età di 54 anni dopo aver combattuto con tutte le sue forze contro la sua malattia. Questa volta la notizia è stata confermata anche dalla famiglia, dopo che il super procuratore era ricoverato da giorni all’ospedale San Raffaele di Milano. Cerchiamo di capire la causa della morte di Mino Raiola.

Leggi anche: E’ morto Mino Raiola, re del calciomercato e simbolo del calcio moderno

Leggi anche: Chi è la moglie di Mino Raiola? Hanno figli?

Mino Raiola, causa della morte: che malattia aveva?

Mino Raiola, all’anagrafe Carmine Raiola, si è spento all’ospedale San Raffaele di Milano sabato 30 aprile. Nato a Nocera Inferiore (Salerno) il 4 novembre del 1967, lo scorso 12 gennaio era stato ricoverato d’urgenza e aveva iniziato un percorso di monitoraggi e controlli sanitari. All’inizio il suo staff aveva smentito il trasferimento in terapia intensiva così come l’operazione d’urgenza, ma dalle voci che circolavano si parlava di una presunta malattia polmonare.

Lo staff di Raiola, in merito alle sue condizioni di salute, parlava di controlli programmati e circolava la voce di un intervento per il procuratore in programma da tempo. A fronte di queste notizie il quotidiano tedesco Bild aveva scritto che Raiola era ricoverato in terapia intensiva e che le sue condizioni si erano seriamente aggravate.

La comunicazione della famiglia: “Ha lottato fino all’ultimo”

In una nota diffusa alla stampa, la famiglia del procuratore ha comunicato tutto il suo dolore per la perdita di Mino.

“Con infinito dolore annunciamo la scomparsa di Mino, il più straordinario procuratore di sempre. Ha lottato fino all’ultimo istante con tutte le sue forze e ancora una volta ci ha resi orgogliosi di lui senza nemmeno rendersene conto. Mino ha lottato fino all’ultimo istante con tutte le sue forze proprio come faceva per difendere i calciatori e ancora una volta di ha resi orgogliosi di lui senza nemmeno rendersene conto.

Mino è stato parte di tanti calciatori e ha scritto un capitolo indelebile nella storia del calcio moderno. Ci mancherà per sempre – aggiunge la famiglia – il suo progetto di rendere il mondo del calcio un mondo migliore per i calciatori sarà portato avanti con la stessa passione. Ringraziamo di cuore coloro che ci sono stati vicini e chiediamo a tutti di rispettare la privacy di familiari e amici in questo momento di grande dolore“.

Il decesso smentito il 28 aprile 2022

Mino Raiola è stato vittima di un giallo in merito ad una falsa notizia diffusa sulla sua morte il 28 aprile 2022. I giornali, infatti, avevano diffuso la notizia che era mancato il 28 aprile 2022 ma Alberto Zangrillo (primario del San Raffaele) aveva smentito la notizia.Sono indignato dalle telefonate di pseudo giornalisti che speculano sulla vita di un uomo che sta combattendo” ha infatti fatto sapere.