Marino Bartoletti parla di Vialli: “Forse eri troppo gentile per questo mondo”

L'omaggio di Marino Bartoletti a Gianluca Vialli, il commosso saluto sui social del giornalista: "Eri troppo gentile per questo mondo".

Marino Bartoletti, il triste commiato a Gianluca Vialli“Forse eri troppo gentile per questo mondo”. Il giornalista ha salutato così l’ex centravanti della nazionale, scomparso il 6 gennaio 2023 dopo anni di lotta con un tumore: “Credevamo di essere pronti, e invece…”.

Marino Bartoletti saluta Gianluca Vialli: “Eri troppo gentile per questo mondo”

Il giornalista sportivo Marino Bartoletti ha condiviso un triste saluto a Gianluca Vialli sui suoi profili social. Lo storico volto di Quelli che il calcio ha deciso di omaggiare l’ex centravanti della Samp, della Juve e dell’Italia, suo grande amico fuori dal campo. L’ex campione è morto il 6 gennaio 2023 a causa di un tumore al pancreas“Solo silenzio.” -scrive Bartoletti- “Addio Gianluca. Forse eri troppo gentile per questo mondo. Ma non si fa cosi! Credevamo di essere pronti: e invece…”.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Marino Bartoletti (@marinobartoletti)

L’abbraccio a Mancini: “Solo adesso abbiamo capito cosa significava…”

Bartoletti ha condiviso anche le sue riflessioni sull’abbraccio tra Roberto Mancini e Gianluca Vialli dopo il trionfo agli Europei, l’11 luglio 2021. “Temo che molti di noi abbiano capito soltanto adesso TUTTO quello che voleva dire questo abbraccio.” -ha scritto il giornalista- “Fa buon viaggio uomo gentile, coraggioso e unico!”.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Marino Bartoletti (@marinobartoletti)

Da parte sua Roberto Mancini ha raccontato i suoi ultimi momenti con Vialli a Londra, durante il suo ricovero: “Era privo di forze, con poca voce, ma lucidissimo. Un leone fino all’ultimo. Abbiamo parlato un po’ di tutto, mi ha chiesto perfino com’era andato lo stage di dicembre con i giovani. Anzi, mi ha riempito di domande: voleva sapere tutto, ci teneva a conoscere i progressi del nostro progetto”.