Liliana Segre preside la prima seduta al Senato: le sue parole prima dell’inizio della nuova legislatura

Liliana Segre apre la seduta del nuovo Senato con un discorso. Intanto ha lasciato qualche dichiarazione alla vigilia.

Liliana Segre apre la nuova seduta del Senato essendo la senatrice eletta più anziana. Alla vigili ha lasciato qualche dichiarazione ai cronisti e si è detta molto emozionata ma anche responsabilizzata.

Liliana Segre preside la prima seduta al Senato

Liliana Segre come senatrice più anziana in Aula presiede in Senato la prima seduta della XIX legislatura. Con i suoi 92 anni aprirà la seduta e terrà un breve discorso. La senatrice a vita dalla mezzanotte sarà il presidente provvisorio del Senato e anche la seconda carica della Repubblica.

Successivamente procederà alla nomina dei senatori segretari.

Le sue parole prima dell’inizio della nuova legislatura

Ecco le sue parole alla vigilia dell’inizio della nuova legislatura. “Discorso pronto, non mi faccio certo cogliere impreparata”, ma queste ore “le sto vivendo molto tranquillamente”. Segre sottolinea che nella vita “a volte accadono cose che uno davvero non si aspetta”.

Emozionata per la presidenza di domani? “Certamente mi emoziona, ma sono abituata a essere me stessa”.

Poi ricorda la prima volta che è entrata in Aula: “non sapevo nemmeno dove dovevo sedermi nonostante ci fosse la targhetta”. Questa volta però non potrà sbagliare? “Eh sì – replica – ho anche provato la sedia e hanno messo un cuscino per la mia schiena…”.

Secondo la Segre la soluzione per questi tempi difficili è l’articolo 3 della Costituzione, che recita “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

 

LEGGI ANCHE: Parlamento italiano, oggi comincia la XIX legislatura: i nomi dei possibili presidenti di Camera e Senato