La Russa contro la Boldrini dopo le parole dure della deputata del Pd verso la Meloni

La Russa contro la Boldrini: il nuovo presidente del Senato in tv su Rete 4 ha lanciato una grossa stoccata alla deputata del Pd.

La Russa contro la Boldrini: il presidente del Senato risponde a tono alla deputata del Partito Democratico Laura Boldrini dopo che quest’ultima ha lanciato grosse accuse a Giorgia Meloni. Ecco il botta e risposta.

La Russa contro la Boldrini in tv

Il nuovo presidente del Senato Ignazio La Russa è intervenuto su rete 4 nel programma Diritto e Rovescio e ha dichiarato prima di ogni cosa di avere “lo stesso rispetto per la maggioranza e l’opposizione.

Sarà equanime ma, senza scandalo, rimarrò lo stesso La Russa”.

Poi, non poteva mancare la sua stoccata a Laura Boldrini dopo le parole che ha speso sull’uso del femminile della nuova premier: “Ma quanto rosica, non si fanno una ragione… Poi su uso maschile e il femminile… Vorrebbe capatrena… Che non siano contente lo capisco, capisco meno l’incapacità di rispondere a tesi con altre tesi, invece di criminalizzare le nostre…”.

Poi, La Russa dedica dolci parole alla Meloni: “Fu che era molto carina: non altissima, ma una bella ragazza. Poi non c’è voluto tanto tempo per capire che aveva i numeri”. E poi ricorda i primi passi fatti con la premier nel nuovo partito: “Quando fondammo FdI non ci ponevamo limiti. Una cosa sì, volevamo che il pensiero della destra politica fosse messo al sicuro. Nel Pdl ci sentivamo in una casa non più nostra: con quella scelta mettemmo in salvo la destra politica italiana”.

Le parole dure della deputata del Pd verso la Meloni

L’ex presidente della Camera Laura Boldrini aveva lanciato un duro attacco a Giorgia Meloni qualche giorno fa su Twitter: “La prima donna premier si fa chiamare al maschile, il presidente. Cosa le impedisce di rivendicare nella lingua il suo primato? La Treccani dice che i ruoli vanno declinati. Affermare il femminile è troppo per la leader di FDI, partito che già nel nome dimentica le Sorelle?”.

 

LEGGI ANCHE: Dario Nardella, chi è il sindaco di Firenze che punta a scalare il Pd