Facts IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) si configura come una società per azioni, coordinata in modo esclusivo dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. L’IPZS ricopre il ruolo di garante della fede pubblica, svolgendo la propria attività progettando e sviluppando soluzioni integrate applicabili nei settori della tutela della salute, della tracciabilità, della sicurezza e dell’anticontraffazione.

IPZS, l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato è nato come Istituto Poligrafico dello Stato nel 1928, trasformandosi nell’attuale IPZS soltanto cinquant’anni più tardi, nel 1978, in seguito all’annessione della Zecca.

Nel 2002, l’azienda ha affrontato un importante cambiamento diventando una società per azioni, con il Ministero dell’Economia e delle Finanze come azionista unico.

Attualmente, l’IPZS è conosciuto a livello internazionale in quanto espressione di un marchio che incarna l’essenza della realtà italiana. I punti di forza della società, infatti, consistono nelle spiccate doti creative e manuali possedute dal suo organico che vengono costantemente intrecciate e valorizzate dall’impiego dei più innovativi supporti tecnologici. In questo modo, l’azienda assicura prestazioni di altissima qualità e sicurezza rivolte sia al settore della Pubblica Amministrazione che ai Privati.

IPZS, sede centrale e presenza sul territorio nazionale

La sede centrale dell’IPZS, noto come una delle realtà industriali nazionali più importanti e competitive, si trova a Roma. Insieme alla sede centrale, tuttavia, la Capitale ospita anche l’Officina Carte Valori, l’edificio storico in cui è presente la Scuola dell’Arte e della Medaglia situata in via Principe Umberto e gli stabilimenti dislocati in via Gino Capponi e in via Salaria.

La società non possiede sedi e stabilimenti esclusivamente a Roma ma è responsabile di uno stabilimento produttivo a Foggia, in Puglia, e di uno stabilimento produttivo recentemente costruito a Verrès, in Valle d’Aosta.

IPZS, le attività della società

Uno dei maggiori compiti istituzionali affidati all’IPZS riguarda la coniazione di moneta circolante e da collezione, sia per lo Stato italiano che per Stati esteri come Città del Vaticano e San Marino. Ogni anno, inoltre, l’azienda produce la Collezione Numismatica della Repubblica Italiana per consentire al MEF di distribuire le monete, seguendo un calendario stabilito, a soggetti precedentemente selezionati.

L’IPZS si occupa, poi, di procedere alla stampa delle pubblicazioni ufficiali dello Stato, tra le quali figura non solo la Gazzetta Ufficiale ma anche le carte valori dello Stato, inclusi i francobolli, sistematicamente creati e distribuiti dall’Officina Carte Valori e Produzioni tradizionali.

IPZS, i servizi offerti alla Pubblica Amministrazione e ai cittadini

L’IPZS è un’azienda sempre al servizio e/o in supporto dello Stato e dei Cittadini.

Per la Pubblica Amministrazione, infatti, la società rappresenta uno strumento operativo valido per favorire il processo di innovazione e digitalizzazione che sta coinvolgendo i suoi processi interni e i servizi erogati.

Per quanto riguarda i cittadini, invece, l’IPZS è il referente destinato a tutelare gli interessi primari della Comunità, attraverso servizi e prodotti e promuovendo progetti che assicurino l’anticontraffazione, la sicurezza e la tracciabilità.

I principali sevizi dell’Istituto Poligrafico e Zecca di Stato possono essere raggruppati in quattro macroaree:

  • Documenti di riconoscimento;
  • Sicurezza e anticontraffazione;
  • Dematerializzazione;
  • Portali.

Documenti di riconoscimento

L’Istituto Poligrafico e Zecca di Stato realizza e rilascia i documenti di riconoscimento, strumenti indispensabili per l’identificazione dei cittadini e di uso quotidiano. Simili documenti consentono di verificare facilmente l’identità dei rispettivi proprietari, garantendo il massimo rispetto della privacy e la libertà di circolare senza restrizioni su territorio nazionale internazionale.

Tra i documenti di riconoscimento prodotti dall’IPZS, possono essere annoverati:

  • Carta d’identità elettronica;
  • Passaporto E-Pass;
  • Patente;
  • Targhe veicoli;
  • Permessi di soggiorno.

Sicurezza e anticontraffazione

Per garantire la sicurezza e contrastare il preoccupante fenomeno della contraffazione, l’IPZS ha investito nel settore dell’innovazione tecnologica al fine di applicare simili innovazioni per tutelare la qualità dei prodotti, le proprietà industriali e la salute dei cittadini.

L’acquisizione di sistemi integrati per la tracciabilità e di strumenti tecnici utili all’autenticazione delle merci, quindi, si è espressa nella creazione di contrassegni anticontraffazione come:

  • Bollini farmaceutici;
  • Contrassegni viti-vinicoli D.O.;
  • Tasselli tabacchi.

Dematerializzazione

In relazione alla gestione documentale, l’IPZS avviato un processo di dematerializzazione e di digitalizzazione dei documenti, in collaborazione con le pubbliche amministrazioni. In questo contesto, l’azienda sta sviluppando il progetto “Documenti Diplomatici” dematerializzando pubblicazioni di rilevante interesse storico, scientifico, culturale, legislativo, provenienti sia dalla PA che dal privato.

Portali

L’IPZS è particolarmente attiva anche nella creazione di documenti sicuri e tecnologici, nell’innovazione multimediale e nella progettazione di portali e sistemi integrativi, riviste telematiche, banche dati o app web.

L’esperienza maturata in collaborazione con gli enti partner, inoltre, si è tradotta nell’istituzione di portali regolati da strumenti di Work Flow e Content Management System volti a diffondere online informazioni istituzionali in modo controllato e automatizzato.

IPZS, governance e board

In materia di governance, il board di IPZS è composto da due personalità fondamentali: il presidente Antonio Palme e l’amministratore delegato Paolo Aielli.

Antonio Palma, presidente di IPZS

Antonio Palma, laureato in Giurisprudenza con il massimo dei voti all’Università di Napoli “Federico II” nel 1973, ha svolto per svariati anni la duplice carriera di avvocato e di docente universitario presso differenti atenei.

È stato, poi, consulente della Commissione Speciale per la Vigilanza e Difesa contro la Camorra e la Criminalità del Consiglio Regionale della Campania e membro del Comitato Etico della Asl Na 1.

Attualmente, ricopre il ruolo di presidente dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

Paolo Aielli, amministratore delegato di IPZS

Paolo Aielli, laureato in Scienze Statistiche all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” e in Scienze Storiche, del territorio e della cooperazione all’Università di Roma Tre, ha maturato vaste competenze professionali lavorando in stretto contatto con GEPI, IRI, SPI, Alcatel Italia e ricoprendo il ruolo di Amministratore Delegato di Gruppo Thales e Gruppo Finmeccanica.

Dal mese di settembre 2014, poi, Paolo Aielli è stato nominato Amministratore Delegato dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

Più articoli dello stesso autore

Terrorismo islamico, che fine ha fatto? “Tagli alla Difesa per investimenti in Sanità, è a rischio la sicurezza”

Terrorismo in Italia, quanti soldi investe lo Stato per contrastare la minaccia terroristica? Sempre di meno

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Notizie Correlate

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Bonus vacanze 2021 aggiornamento: come, quando e dove usarlo

Tempo di vacanze, esodi di massa? Quasi: 41 milioni di italiani si concederanno un periodo di ferie lontano da casa, ben 11...