Live

Inflazione Italia 2022: significato, previsioni, conseguenze

Inflazione Italia 2022: preoccupante le situazioni economiche che metteranno in crisi in particolari molte famiglie.

Inflazione Italia 2022: prezzi in aumento a causa dei rincari di gas ed elettricità. Sarà un nuovo anno non semplice soprattutto per le famiglie che dovranno mettere in conto spese maggiori.

Inflazione: significato

L’inflazione, in economia, indica una crescita generalizzata e continuativa dei prezzi nel tempo. È un indicatore fondamentale perché il livello dei prezzi condiziona il potere di acquisto delle famiglie, l’andamento generale dell’economia, l’orientamento delle politiche monetarie delle banche centrali.

Inflazione Italia 2022: previsioni

Non sarà un anno ricco e felice per gli italiani e in particolare per le famiglie. Si stima un balzo dell’inflazione nel 2022, con le nuove stime di Bankitalia che indicano un 2,8% contro l’1,3% indicato solo sei mesi fa. Per l’anno in corso le nuove previsioni passano dall’1,5% all’1,9%, per il 2023 e 2024 è previsto un rallentamento a 1,5 e 1,7% rispettivamente.

«L’inflazione potrebbe risultare più elevata di quanto previsto se le quotazioni energetiche dovessero mantenersi su livelli elevati più a lungo di quanto ipotizzato e se fosse maggiore la trasmissione alla dinamica salariale del recente forte incremento dei prezzi al consumo».

Inflazione Italia 2022: conseguenze

Le conseguenze non saranno felici per molti italiani. Molto preoccupate sono le associazioni  dei  consumatori:  l’Unione  nazionale  dei  consumatori  (Unc)  ha  calcolato  che  l’inflazione  al  3,9%  significa,  per  una  coppia  con  due  figli,  un  aumento  del  costo  della  vita  di  1.407  euro  annuo  (535  solo  per  abitazione,  acqua  ed  elettricità,  519  euro  per  i  trasporti);  per  una  coppia  con  un  figlio  l’aggravio  raggiunge  i  1.303  euro  (537  per  casa  e  452  per  i  trasporti).I  rincari  per  una  famiglia  media  saranno  di  1.094  euro.  Ma  il  record  spetta  alle  coppie  senza  figli  con  meno  di  35  anni  che,  spendendo  di  più  di  quelle  coi  figli  per  viaggi  e  cura  della  casa,  hanno  un  aggravio  annuo  di  1.438  euro.

Secondo  il  Codacons,  questi  numeri  sono  destinati  ad  aggravarsi  ulteriormente  visto  che,  oltre  all’inflazione,  gli  italiani  nel  2022  dovranno  fare  i  conti  coi  rialzi  delle  bollette  di  luce  e  gas  scattati  a  Capodanno  e  che  determineranno  un’ondata  di  rincari  in  tutti  i  settori.  Situazione  che  mette  a  serio  rischio  i  consumi  di molte  famiglie.