Live

Il prezzo del pane è aumentato fino a 10 volte, l’analisi della Coldiretti

Secondo uno studio della Coldiretti il prezzo del pane sarebbe aumentato fino a 10 volte negli ultimi anni. I prezzi variano nella penisola.

Secondo l’analisi della Coldiretti il prezzo del pane subisce in Italia un rincaro di dodici volte. Il grano tenero, infatti, avrebbe un costo di circa 32 centesimi al chilo, mentre per lo stesso peso di pane si arriverebbe a pagare, mediamente 3,2 euro.

Dal campo al banco, il prezzo del pane aumenta fino a 10 volte

Secondo un’analisi della Coldiretti, il prezzo del grano tenero per la panificazione ha raggiunto i valori massimi del decennio. In Italia, infatti, un chilo di grano tenero ha il prezzo di circa 32 centesimi, mentre un chilo di pane ha un valore di 3,2 euro. Quindi si applica, dal forno al banco, un rincaro di dodici volte, perché con un chilo di grano si fa, mediamente, un chilo di pane.

Pane caro, ma agricoltori sottopagati

Il grano è sottopagato agli agricoltori. Negli ultimi 4 anni si è passati da 543.000 ettari coltivati in Italia agli attuali poco meno di 500.000 ettari. La produzione nazionale di grano arriva a circa 2,87 milioni di tonnellate, producendo un aumento della dipendenza dall’estero che ha raggiunto addirittura il 64% del fabbisogno.

Inoltre, i costi per gli agricoltori sono raddoppiati a causa dei rincari fino al 50% del gasolio. È necessario per i coltivatori utilizzare i macchinari in diversi processi della produzione. Dall’estirpatura, alla rullatura, alla semina e alla concimazione. Inoltre, sono lievitati i costi per l’acquisto dei fertilizzanti delle macchine agricole e dei pezzi di ricambio.

Secondo la Coldiretti per ridurre la variabilità dei prezzi bisognerebbe realizzare rapporti di filiera virtuosi. Si potrebbero, secondo la proposta, valorizzare i primati del Made in Italy, stabilendo prezzi di acquisto “equi”, basati sugli effettivi costi sostenuti.