Giuseppe Conte sul Reddito di Cittadinanza ci crede ancora: va in giro ed incontra i possibili beneficiari

Giuseppe Conte sul reddito di Cittadinanza ha deciso di non mollare e di non fare nessun passo indietro. Ecco cosa sta facendo.

Giuseppe Conte sul Reddito di Cittadinanza non arretra ma anzi ha deciso di continuare la sua battaglia contro le decisioni del governo Meloni. Così il leader del Movimento 5 Stelle ha deciso di giare l’Italia per sentire i i possibili beneficiari del Reddito.

Giuseppe Conte sul Reddito di Cittadinanza ci crede ancora

Giuseppe Conte non molla sul Reddito di Cittadinanza. Il leader del Movimento 5 Stelle continua con tutte le sue forze a difendere la manovra inserita dal suo governo. nel suo ultimo giro che sta effettuando l’ex premier, qualcuno gli ha chiesto: “Abbiamo votato tutti per lei, come mai ha vinto Giorgia Meloni alle elezioni?”. Conte promette che farà di tutto per impedire modifiche al Rdc: “Quello che possiamo fare è contrastare le misure più inique di questo governo, ma anche fare conoscere la realtà che vive la gente e che tocchiamo con mano. I politici descrivono i precettori del reddito di cittadinanza come fannulloni, gente che vive sul divano ingrassandosi con i soldi dello Stato. Non dobbiamo permettere alla politica di calpestare la dignità dei cittadini, che viene prima dell’economia e della politica“.

Va in giro ed incontra i possibili beneficiari

Conte ha deciso di andare in giro per l’Italia ed incontrare chi dovrebbe beneficiare del Reddito. Il suo “tour” è partito dalla Sicilia e tappa dopo tappa sta documentando tutto sui suoi canali socia. “Lo Zen è uno dei quartieri più difficili di Palermo, la “periferia” per antonomasia, uno dei tanti luoghi di Italia dove la fragilità sociale ha messo radici.
Oggi ho visitato il mercato che vive tra questi palazzi, incontrando tanti cittadini che mi hanno raccontato il loro disagio.
Persone che si spaccano la schiena per 12 ore al giorno per un salario da fame per poter mettere a tavola un pasto per i propri figli. Persone nei cui occhi brilla la luce della dignità e del riscatto, cittadini che percepiscono il reddito di cittadinanza per rilanciare la propria vita – non certo per accomodarsi su un divano.
Sono donne e uomini che non intendiamo abbandonare, che intendiamo difendere dallle scelte di questo Governo, ben attento a tutelare i privilegiati e sordo alla voce di chi è in difficoltà.
Non molliamo di un centimetro”.
“Danisinni è un rione popolare di Palermo ricco di umanità e passione, con una lunga storia di abbandono ed emarginazione.
Tra questi vicoli la Comunità dei frati cappuccini lavora da decenni per riqualificare l’area e garantire una nuova prospettiva di riscatto sociale ai bambini e ai giovani del quartiere.
Oggi ho avuto modo di toccare con mano questo impegno, di visitare i luoghi in cui ogni giorno esperienze di mutualismo e solidarietà permettono a chi è in difficoltà di non rimanere indietro.
Ripartiamo dal basso, dalle emergenze del quotidiano. Insieme. Nessuno escluso”.