Giornata della Memoria, Liliana Segre: “Il pericolo dell’oblio c’è sempre”

A pochi giorni dalla Giornata del Memoria - il 27 Gennaio - la senatrice Liliana Segre ha espresso il suo parere.

A pochi giorni dalla Giornata del Memoria – il 27 Gennaio – la senatrice Liliana Segre ha espresso il suo parere, raccontando con amarezza quella che dice la gente riguardo a questa importantissima ricorrenza, che ha lo scopo di ricordare gli orrori dell’Olocausto.

Lei stessa, sopravvissuta alla pazzia dei nazisti, è diventata un vero e proprio esempio di forza, rappresentando un importante mezzo per non dimenticare.

Le parole di Liliana Segre sulla Giornata della Memoria

Durante la presentazione – a Milano – delle iniziative che verranno svolte in occasione della Giornata della Memoria, Liliana Segre ha manifestato un po’ di amarezza, lanciando un forte messaggio:

“So cosa dice la gente del Giorno della Memoria. La gente già da anni dice, basta con questi ebrei, che cosa noiosa“.

Amareggiata da questa considerazione, la senatrice si rende conto che non tutti sembrano in grado di capire la gravità e di voler ricordare con coscienza ciò che è accaduto.

La senatrice Segre teme infatti che, tra qualche anno, tutto verrà dimenticato:

“Il pericolo dell’oblio c’è sempre. Una come me ritiene che tra qualche anno sulla Shoah ci sarà una riga tra i libri di storia e poi più neanche quella”.

Traspare quasi una desolazione sul volto di Liliana Segre, che da sempre combatte per far sì che tutti possano non soltanto ricordare, ma anche capire per non ripetere. Si deve a lei Memoriale della Shoah, posto a Milano sotto alla Stazione Centrale. Da lì, dal binario 21, partivano i deportati con destinazione campi di concentramento, stessa sorte capitata a lei quando era una ragazzina.

L’iniziativa a Milano

In vista del giorno della memoria, a Milano girerà un “tram della memoria” tra le strade della città. A confermarlo persino il sindaco del capoluogo lombardo, Giusepep Sala:

“Tra le vie della città girerà un tram della linea 9 con una livrea di papaveri rossi, simbolo di rinascita e sulla fiancata la scritta “27 gennaio – Giorno della Memoria” e “Memoriale della Shoah – Binario 21 – Stazione Centrale”.

A mancare è però l’indirizzio del Memoriale, ovvero Piazza Edmondo Jacob Safra 1, che verrà sicuramente aggiunto così da portare il luogo ad essere ancora più conosciuto.