Giornata della Memoria, le frasi per non dimenticare: da Anna Frank a Primo Levi

Giornata della Memoria, le frasi per non dimenticare: tante parole sono state scritte per raccontare una periodo storico terribile.

Giornata della Memoria, le frasi per non dimenticare: tanti sono gli autori che hanno vissuto sulla propria pelle le sofferenza dell’Olocausto e hanno lasciato i propri pensieri come memoria storia, un testamento di parole che tutti dobbiamo custodire.

Giornata della Memoria, le frasi per non dimenticare

Tante sono le frasi che descrivono e raccontano la Giornata della Memoria. In molti hanno contribuito a tramandare e raccontare le sofferenze patite da milioni di persone, donne, uomini e bambini.

Ogni parola è specchio di sentimenti di rabbia, sofferenza, paura, morte ma anche amore.

Da Anna Frank a Primo Levi: alcune frasi

“È un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze perché esse sembrano assurde e inattuabili. Le conservo ancora, nonostante tutto, perché continuo a credere nell’intima bontà dell’uomo” (Anna Frank)

“Perché la memoria del male non riesce a cambiare l’umanità? A che serve la memoria?” (Primo Levi)

“Se Dio esiste, dovrà chiedermi scusa” (scritta su un muro di Auschwitz)

“La domanda: Ditemi dove era Dio, ad Auschwitz.

La risposta: E l’uomo dov’era?” (William Clarke Styron)

Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario. Perché ciò che è accaduto può ritornare. Le coscienze possono nuovamente essere sedotte e oscurate: anche le nostre” (Primo Levi, Se questo è un uomo)

“Noi siamo la nostra memoria/noi siamo questo museo chimerico di forme incostanti,/questo mucchio di specchi rotti” (Jorge Luis Borges)

“Noi siamo la memoria che abbiamo e la responsabilità che ci assumiamo. Senza memoria non esistiamo e senza responsabilità forse non meritiamo di esistere” (José Saramago)

“L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremmo mai togliere il segnalibro della memoria” (Primo Levi)

“Era ancora troppo giovane per sapere che la memoria del cuore elimina i brutti ricordi e magnifica quelli belli, e che grazie a tale artificio riusciamo a tollerare il passato” (Gabriel Garcia Marquez)

“Ad Auschwitz/pile di occhiali/montagne di scarpe/sulla via del ritorno/ognuno fissava fuori dal finestrino in direzione diversa” (Ko Un, di ritorno da una visita al campo di Auschwitz)

“Chi ascolta un superstite dell’Olocausto diventa a sua volta un testimone” (Elie Wiesel)

LEGGI ANCHE: Giornata della Memoria, film da vedere: ecco i consigli