Gianluca Vialli e il tumore: “L’ospite indesiderato è sempre con me”

Gianluca Vialli e il tumore: l'ex calciatore di Sampdoria e Juventus è tornato a parlare della sua malattia a distanza di qualche tempo

Gianluca Vialli e il tumore: l’ex calciatore e assistente di Roberto Mancini in Nazionale in collegamento da Londra ha parlato della sua malattia alla trasmissione tv Cremona1.

Gianluca Vialli e il tumore

Gianluca Vialli ha vinto, perso e pareggiato tante partite sui campi da calcio di tutto il mondo. Negli ultimi anni sta affrontando un’altra partita, più dura e difficile fuori dal terreno di gioco. Vialli ha iniziato a parlare della sua malattia  nel 2018 in una intervista al Corriere della Sera.

Ha raccontato che la battaglia è iniziata nel 2017 a causa di un cancro al pancreas. Per sconfiggerlo si è dovuto sottoporre a un intervento chirurgico e a due cicli di chemioterapia, il primo durato nove mesi, il secondo otto mesi. La chemio debilita moltissimo il fisico e Vialli in quel periodo era magrissimo. Ha addirittura confessato che per sembrare meno magro indossava un maglione sotto la camicia.

Vialli sulla malattia: “L’ospite indesiderato è sempre con me”

Vialli è ritornato a parlare della sua malattia durante la trasmissione della tv Cremona1: “Sto abbastanza bene, non ho ancora completato questo viaggio, l’ospite indesiderato è sempre con me — ha detto l’assistente di Mancini in Nazionale — . Ogni tanto è un po’ più presente a volte meno. Adesso sto facendo un periodo di manutenzione e quindi si va avanti. Speriamo mi possiate sopportare per tanti anni. Sono fiducioso e ottimista in questo senso”.

In questi anni il sostegno degli amici è diventato fondamentale.

Nel collegamento con lui c’erano i vecchi compagni della Sampdoria Roberto Mancini e Pietro Vierchowod, e Ciro Ferrara. Anche parlando di loro, Vialli ha sottolineato: “Sono circondato da persone che mi danno sostegno, forza e coraggio, e non smetterò mai di ringraziarle”.