Fusione nucleare, dagli Stati Uniti arriva l’annuncio: ecco di cosa si tratta la scoperta epocale

Fusione nucleare, martedì 12 dicembre negli Stati Uniti dovrebbe esserci l'annuncio dell'incredibile scoperta.

Fusione nucleare, dagli Stati Uniti l’annuncio dell’incredibile scoperta. Secondo la maggior parte dei giornali internazionali, martedì 12 dicembre dovrebbe essere resa nota e pubblica l’importante svolta scientifica in termini di energia pulita.

Fusione nucleare, dagli Stati Uniti arriva l’annuncio

La Fusione nucleare è realtà. Secondo la maggior parte dei giornali internazionali, martedì 12 dicembre il dipartimento dell’Energia del governo degli Stati Uniti annuncerà il risultato dell’importante scoperta. La scoperta che permetterebbe di avere energia pulita sarebbe stata ottenuta dal Lawrence Livermore National Laboratory, in California.

I portavoce del Dipartimento dell’Energia e della LLNL hanno fatto sapere che il Segretario di Stato americano per l’Energia Jennifer Granholm ospiterà un evento martedì in cui “annuncerà un’importante svolta scientifica”. Il portavoce di LLNL ha aggiunto che “l’analisi (era) ancora in corso”. “Non vediamo l’ora di condividere ulteriori informazioni martedì quando questo processo sarà completato”, ha aggiunto.

Ecco di cosa si tratta la scoperta epocale

Si tratta, dunque, di una scoperta epocale. “Se questa svolta … è reale, potrebbe essere un punto di svolta per il pianeta”, ha twittato il membro del Congresso della California Ted Lieu dopo la pubblicazione del rapporto FT. Per il Washington Post si tratta di “una pietra miliare nella decennale e costosa ricerca per sviluppare una tecnologia che fornisca energia illimitata, pulita ed economica“. . Sentito dal quotidiano, il fisico Arhur Turrel ha affermato: “Se questa scoperta sarà confermata, stiamo testimoniando un momento storico”. Questa scoperta permetterebbe di avere energia, attraverso la fusione di rattori, non inquinante, utilizzando come combustibile l’idrogeno, praticamente inesauribile.

 

LEGGI ANCHE: Cellulari in aereo, dal 2023 si può: arriva l’ok dall’Unione Europea