Live

Epifania: significato e tradizione

La festa dell'Epifania viene festeggiata il 6 gennaio ed è una festa molto importante per tutti i cattolici

Il 6 gennaio si festeggia una festa molto importante per la cristianità: l’Epifania. 

Epifania: significato del termine e data della festa religiosa

Il termine Epifania deriva dal greco antico e significa “manifestazione“. Questa festa cristiana, celebrata il 6 gennaio dalle chiese occidentali e orientali, segue il calendario gregoriano (per il calendario giuliano è celebrata il 19 gennaio) e per la Chiesa cattolica è la terza festa più importante dopo Pasqua e Natale.

La festa dell’Epifania dunque, per i cattolici, vede come manifestazione la visita dei tre Re Magi a Gesù Bambino (rappresentanti simbolici di tutti i popoli della terra che si recano ad adorare la nascita di Gesù). Secondo il Vangelo i Magi, nel loro viaggio verso Gesù Bambino, sono guidati da una stella (comunemente chiamata dalla tradizione come “stella cometa”)

Per il calendario Giuliano, invece, l’Epifania (chiamata anche Teofania “manifestazione di Dio”) corrisponde alla commemorazione del battesimo di Gesù nel fiume Giordano.

Epifania, le tradizioni della festa

Nel mondo occidentale l’Epifania è chiamata anche “festa della Befana”, termine utilizzato in primo luogo dai non credenti per apostrofare questa festività. Il termine befana (termine che deriva da una corruzione lessicale del termine epifania”) è legato ad una figura folcroristica collegata alla festa del 6 gennaio. Secondo la tradizione una donna molto anziana, nella notte tra il 5 e il 6 gennaio, porta ai bambini una calza della befana ricca di caramelle e dolci, piccoli giocattoli e cioccolatini.

Se un bambino, invece, non è stato bravo durante l’anno, la befana gli porterà carbone o aglio.

L’origine di questo rito ha radici pagane ed è stato poi adottato dagli antichi romani. Se però ai tempi romani la figura della befana pareva essere identificata con la dea Diana, la Chiesa Cattolica dell’alto medioevo (per condannare anche i riti pagani) la trasformò in una strega.

Altra tradizione in uso in buona parte dell’Italia è l’accensione di un falò la sera dell’Epifania o la sera precedente.