Live

Ecco il piano scuola per il rientro in presenza a settembre: finestre aperte nelle aule e ginnastica senza mascherine

Il piano scuola del Governo per il rientro è stato fissato: dalle lezioni in presenza alle assunzioni dei docenti fino al 30 dicembre.

Il piano scuola del Governo per il rientro è stato fissato: lezioni in presenza anche senza il metro di distanza, possibilità di spezzare le classi, 112.000 docenti assunti fino al 30 dicembre.

Didattica in presenza: il piano scuola per il rientro a settembre

Si legge nel documento Piano Scuola 2021 la necessità educativa della didattica in presenza. Le lezioni potranno riprendere con un distanziamento sociale anche sotto il metro di distanza.

Le mascherine in classe si dovranno tenere quando non sia possibile il distanziamento da seduti. Laddove per motivi straordinari questo tipo di misura non possa essere mantenuta, sapendo che è un livello più basso di sicurezza si può adottare almeno la mascherina chirurgica, non qualsiasi mascherina. Laddove non sia possibile mantenere il distanziamento fisico, resta fondamentale l’uso della mascherina, preferibilmente di tipo chirurgico per tutti gli studenti sopra i sei anni di età.

Piano scuola del Governo, niente più tamponi e niente obbligo vaccinale

In vista del rientro in presenza a settembre, non appare necessario, secondo quanto evidenziato dal CTS, effettuare test diagnostici o screening preliminari all’accesso a scuola. Rimangono confermate le ordinarie procedure di trattamento di sospetti casi positivi a scuola da gestire, come di consueto, in collaborazione con le autorità sanitarie territorialmente competenti.

Non c’è ancora l’obbligo vaccinale ma nel Piano Scuola si legge per corpo docenti e non che deve essere assicurata piena partecipazione alla campagna di vaccinazioni, contribuendo al raggiungimento di un’elevata copertura vaccinale e alla ripresa in sicurezza delle attività scolastiche.

Piano scuola: la cura degli ambienti scolastici

Il CTS conferma la necessità di continuare ad assicurare il rispetto delle ordinarie misure di areazione dei locali e della pulizia quotidiana, “accurata e ripetuta”, di tutti gli ambienti. Dovrà continuare la continua erogazione dell’igiene delle mani e la pulizia quotidiana degli ambienti scolastici.

Le finestre aperte delle aule aiuteranno l’areazione e la possibilità con il distanziamento di togliere la mascherina da seduti. Nelle palestre, durante educazione fisica, ci sarà la possibilità di svolgere le attività senza mascherina.

Piano scuola per il rientro in presenza: organizzazione delle classi, trasporti e assunzioni

Rimane la possibilità e l’autonomia in caso di ambienti piccoli e numeri di alunni elevato di riorganizzare le lezioni a gruppi diversificati. Si legge che in assoluto non ci debba essere alcuna differenza nell’offerta formativa ai diversi gruppi.

Alla riorganizzazione delle classi deve corrispondere un adeguato piano trasporti con una capienza pari all’80% 

Novità anche sul piano assunzioni: sono previste circa 112.000 docenti assunti fino al 30 dicembre