Drusilla Foer, protagonista in un film su Netflix e alla cerimonia dei David di Donatello

Drusilla Foer, film e tanti altri successi: dopo il Festival di Sanremo 2022, è arrivata la partecipazione in un film e un altro palcoscenico.

Drusilla Foer, film e non solo: il successo continua perché dopo il palco dell’Ariston, arriva il successo in una pellicola di Netflix ma anche la conduzione alla prossima cerimonia di consegna dei David di Donatello.

Drusilla Foer, protagonista in un film su Netflix

“Con il film ‘Sempre più bella’, sono felice di essere nei primi posti su Netflix”. Eagle Pictures ei miei ragazzi sono ancora vivi e vegeti!” Sui social media, dice Drusilla Foer.

La conduttrice ma anche attrice ha ricoperto il ruolo della nonna cattiva nel film Netflix “Sempre più bella”, il terzo capitolo di una trilogia che sta avendo ottimi successi sulla piattaforma in streaming.

Nei film era già apparsa per la prima volta in “Magnifica presenza’” di Ferzan Ozpetek nel 2012, seguita da un ruolo in “Riccardo va all’inferno” nel 2017. Tuttavia, in entrambi i casi, Gianlucа Gori ha interpretato la parte, mentre in “Sempre più bello” ha interpretato Drusilla Foer. “È una figura che aleggia per tutto il film: una nonna affettuosa, difficile, appassita dalla sua stessa vita”, ha detto Drusilla al Film Festival del 2021, aggiungendo “Il regista lo ha fatto apparire lentamente, lentamente, come un fantasma dalla penombra, per poi rivelarne la natura, la sua emotività e le ragioni del suo dolore”.

Infine, sempre suo ruolo nel film:  “Mi sono divertito molto a fare un piccolo cameo in alcune scene”.

Insieme a Carlo Conti alla cerimonia dei David di Donatello

Un successo dopo l’altro per la Foer. Dopo essere salita come co-conduttrice sul palco dell’Ariston durante il festival di Sanremo 2022, condurrà insieme a Carlo Conti  la prossima edizione di David di Donatello su Raiuno il 3 maggio.

Foer ha dichiarato che si sente “onoratissima di partecipare a questa celebrazione.

Sono felice perché mi si accende il cuore quando si riaprono i luoghi di cultura, di creatività, di civiltà e di libertà quali sono il cinema e il teatro”.