Covid Italia, numeri in calo, Ciccozzi: “Siamo ai titoli di coda”

La situazione Covid in Italia sembra registrare un miglioramento. I numeri sono in calo e la situazione sembra essere finalmente gestibile.

La situazione Covid in Italia sembra, finalmente, registrare un miglioramento. I numeri sono in calo e la situazione sembra essere finalmente gestibile. Lo stesso Massimo Ciccozzi, epidemiologo italiano, lo conferma, dopo aver visto i dati.

Bilancio positivo anche in Cina, dove appare esserci una netta ripresa.

Ciccozzi sulla situazione Covid in Italia

In costante controllo, i dati sul Covid in Italia sono calati negli ultimi giorni, come dimostrato dall’associazione Gimbe. Nella settimana appena trascorsa – quella che va da Lunedì 7 a Domenica 12 Gennaio – si nota un netto calo dei contagi e dei decessi: -38% dei contagiati e -25,7% per quanto riguarda le vittime e i decessi.

A dichiararlo il Dottor Massimo Ciccozzi, il quale è responsabile dell’Unità di Statistica medica ed Epidemiologia della Facoltà di Medicina e Chirurgia del Campus Bio-Medico di Roma, che ha rilasciato una dichiarazione dopo aver analizzato i dati:

“I dati scientifici non mentono mai, siamo ai titoli di coda del virus e alla sua endemizzazione”.

Una notizia più che positiva e un piccolo passo verso quella che può riportare alla normalità. Il dottor Ciccozzi ha poi concluso chiedendo attenzione:

“Abituiamoci a vedere piccole ondate con pochi casi, ma non stagionalità. Se rimane la ‘Omicron family’  dovremo occuparci di altro perché la situazione è sotto controllo, ma è comunque importante sempre monitorare con il sequenziamento random”.

LEGGI ANCHE: Maltempo gennaio, in arrivo in Italia il ciclone Thor.

Anche in Cina migliorano le cose

Dopo diverso tempo, anche la Cina sembra potersi rialzare. A dichiararlo il vice premier Liu He che, con un messaggio, invita i turisti a tornare a visitare il proprio paese affermando che non c’è più la quarantena.

Sicuramente un annuncio che permette a tutti di ritrovare quella serenità che si era persa. Adesso visitare il paese risulta molto più semplice:

Tutti voi siete benvenuti in Cina, c’è bisogno solo di un test di ingresso, non c’è quarantena, venite, vi daremo i migliori servizi”.

Sia Cina che Italia possono cominciare a vedere la luce in fondo al tunnel.