Cos’è lo scudo antimissile? Perché la Germania lo valuta?

Cos'è lo scudo antimissile e perché a riguardo si parla della Germania. Di cosa si tratta e come si inserisce in un contesto di guerra.

Cos’è lo scudo antimissile e perché ritorna in questi giorno ed essere di nuovo al centro di un suo possibile utilizzo. Di cosa si tratta e perché anche la Germania è interessata a questa tipologia di arma.

Cos’è lo scudo antimissile?

Lo scudo antimissile, chiamato Iron Dome” ma anche “Cupola di Fero” , è un sistema aereo utilizzato per annullare l’attacco dei missili nemici. Quest’arma è costata ben 210 milioni di dollari ed è stata sviluppata dalle società israeliane Rafael Advanced Defense Systems e Israel Aerospace Industries (con il supporto degli Stati Uniti).

In estrema sintesi il suo funzionamento è il seguente: quando il sistema intercetta un razzo nemico, vengono inviati altri razzi per far esplodere il missile in aria.

Il sistema blocca oltre il 90% di razzi, mortai e proiettili di artiglieria con una portata da circa 7 a 70 chilometri. È anche in grado di lavorare giorno e notte indipendentemente dalle condizioni meteorologiche.

Perché la Germania lo valuta?

La Germania sta valutando la creazione di un sistema antimissile, basato sul modello dello “Iron Dome” di Israele.

È quanto ha dichiarato il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, nel corso di un’intervista che ha rilasciato all’emittente radiotelevisiva “Ard”. “Dobbiamo tutti prepararci al fatto che abbiamo un vicino attualmente disposto a usare la violenza per far valere i propri interessi. Ecco perché dobbiamo renderci tanto forti insieme così che questo non accada”. Tuttavia, Scholz non ha voluto svelare i dettagli di un possibile “Iron Dome” per la Germania, perché “il piano non è stato ancora ultimato”.

Senza dubbio, si tratta di una risposta all’arsenale della Russia ed in particolare ai missili ipersonici utilizzati nella guerra in Ucraina. Un modo per difendersi ma non solo.

LEGGI ANCHE: Russia, cos’è il missile ipersonico di Putin e cosa rischia l’Europa