Chi era Judy Garland: film e storia della cantante e attrice

Judy Garland è stata un'attrice, cantante e ballerina statunitense. Su di lei è stato girato un film che sarà trasmesso su Rai 3

Judy Garland era una cantante e attrice di successo, e su di lei è stato anche girato un film dal titolo Judy che andrà in onda su Rai 3 giovedì 28 aprile. Scopriamo meglio chi era l’attrice, che da giovanissima ottenne la fama grazie al ruolo di Dorothy del Mago di Oz. 

Chi era Judy Garland

Judy Garland, pseudonimo di Frances Ethel Gumm, è stata un’attrice, cantante e ballerina statunitense.

Nata da una famiglia di artisti di origine ebraica che si trasferiscono in California. Judy con le due sorelle formò un trio canoro che si fece chiamare “Garland Sisters” (era il 1934). L’anno dopo recita a fianco di Mickey Rooney nella serie dedicata ad Andy Hardy, ma pare risalgano a quell’epoca l’inizio dell’uso di droghe da parte dell’attrice. Nonostante infatti il suo essere un’attrice di successo, l’uso di droghe la tormentò per tutto i resto della sua vita.

Sul set di questo film la Garland ha un grave esaurimento nervoso e viene ricoverata in clinica. Tornerà poi al successo con il successivo Ti amavo senza saperlo (1948) di Charles Walters, ma questa cosa non la abbandonerà mai.

Storie d’amore:  compagni e figli

Judy quando aveva 18 anni si fidanzò con il musicista David Rose, che sposerà nel 1941 per separarsene un anno e mezzo dopo. Successivamente ha avuto un’altra storia d’amore con il regista Vincente Minnelli sul set di Meet Me in St.

Louis (1944) che alla fine sposò nel 1945. Nel 1951 divorziò da Minnelli e l’anno dopo sposò Sid Luft: dal matrimonio nasceranno Lorna Luft, futura attrice e cantante, e Joey Luft.

La morte di Judy

Judy è stata trovata morta a Londra, il 22 giugno del 1969, dal suo ultimo marito. Quest’ultimo, in particolare, l’ha ritrovata morta nella sua stanza, si presume per overdose accidentale di barbiturici. La cantante all’epoca della sua scomparsa aveva 47 anni e una folla di ben ventimila persone resero omaggio alla salma a New York pochi giorni dopo.