Chi è Michela Grasso, influencer della generazione Z ideatrice di “Spaghettipolitics”

Chi è Michela Grasso, ideatrice del blog e della pagina Instagram Spaghettipolitics? Cresciuta a Gallarate, si è laureata ad Amsterdam

Michela Grasso è una giovane influencer italiana della generazione Z che è diventata popolare su Instagram grazie alla sua pagina Spaghettipolitics. Conosciamola meglio.

Chi è Michela Grasso

Michela Grasso, classe 1999, è una giovane influencer italiana che sta diventando popolare grazie alla sua pagina Spaghettipolitics. Cresciuta a Gallarate, si è laureata in scienze politiche all’Università di Amsterdam e attualmente vive a Bordeaux. Attualmente tiene sul settimanale Grazia la rubrica “Lo spaghetto femminista” e dopo la laurea ha scelto di impegnarsi in un progetto annuale di volontariato in Francia con il Corpo europeo di solidarietà.

Il blog Spaghettipolitics

Michela Grasso deve la sua fama al progetto Spaghettipolitics, diventata un punto di riferimento per molti giovani per l’informazione su Instagram dal 2019. Con questa pagina dove parla sia in italiano che in inglese, Michela parla ad un pubblico molto giovane che vive sia in Italia sia all’estero. Nel suo libro Il futuro non può aspettare, perchè la mia generazione è costretta a partire Michela spiega la ratio del progetto di Spaghettipolitics.

Ho deciso di creare uno spazio per parlare in inglese della politica italiana alle persone straniere. In realtà poi mi sono resa conto che chi era interessato a sapere di più dell’Italia erano proprio gli italiani, quelli della mia generazione. Al pubblico più giovane mancavano informazioni su cosa succede nella politica esterarimarcando anche che “Non è vero che ai giovani italiani non interessa la politica, anche estera, spesso non hanno i mezzi per approfondire un tema che in Italia è insegnato male e si trova poco sui mezzi di informazione”.

Curiosità

Oggi Spaghettipolitics conta più di 200 mila followers ed è stato aperto anche un sito web.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Spaghettipolitics🍝 (@spaghettipolitics)