Live

Chi è Davide Giri, studente italiano ucciso a coltellate a New York

Davide Giri è uno studente italiano di 30 anni, originario di Alba, da qualche anno stabile a New York. È stato ucciso da un 25 enne

Davide Giri, studente italiano di 30 anni, è stato trovato morto a New York, precisamente ad Harlem. A darne notizia i media americani, compreso il New York Times, che rimarca come il giovane sia stato ucciso da un 25 enne chiamato Vincent Pikney, 

Studente ucciso a New York: cosa è accaduto

Secondo le prime notizie che giungono in merito all’omicidio il giovane sarebbe stato accoltellato all’addome e avrebbe riportato ferite talmente gravi da rendere inutili i soccorsi.

L’omicida di Davide avrebbe inoltre ferito un’altra persona, forse un turista italiano, ma per fortuna  non è in pericolo di vita. Addirittura al momento della cattura, avvenuta nei pressi di Central Park, l’aggressore stava minacciando una terza persona con il coltello. Il giovane italiano avrebbe perso la vita mentre stava rientrando a casa dopo una partita di calcio con la sua squadra, il NY International FC. Il 30enne era originario di Alba e si era distinto anche per la sua attività di volontariato.

Chi è Davide Giri

Davide Giri era uno studente italiano che girava il mondo da anni e amava molto anche studiare. Dopo una specializzazione alla Tongj University di Shangai aveva deciso di conseguire un master in ingegneria elettronica al Politecnico e uno alla University of Illinois a Chicago. Dal 2016 era iscritto alla Columbia University ma per approfondire il design applicato alle scienze dal 2016 si era trasferito a New York.

Dal 2016, dunque, era stabile nel campus dell’università newyorkese. Sconvolto il presidente della Columbia University, Lee Bollinger. “Questa notizia è inspiegabilmente triste e sconvolgente. L’università è in contatto con la polizia di New York per apprendere maggiori dettagli sull’aggressione. Siamo in un momento in cui dobbiamo dimostrare di essere comunità”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Columbia University (@columbia)