Iva Zanicchi è dalla parte della Meloni: “Faccio il tifo per lei” e su Berlusconi: “Potrebbe fare la differenza”

Iva Zanicchi si è dichiarata a favore del centrodestra alle prossime elezioni del 25 settembre, facendo il tifo per Giorgia Meloni.

Iva Zanicchi ha espresso tutto il suo gradimento per la Meloni e Berlusconi. In un’intervista ha fatto capire chiaramente che alle prossime elezioni del 25 settembre, voterà per il centrodestra, con un occhio di riguardo per la leader di Fratelli d’Italia.

Iva Zanicchi è dalla parte della Meloni: “Faccio il tifo per lei”

La cantante Iva Zanicchi ha dichiarato apertamente di votare per il centrodestra nelle prossime elezioni del 25 settembre.

In un’intervista all’Adnkronos, ha detto di provare molta stima per Giorgia Meloni: “La Meloni a Palazzo Chigi? Come donna faccio il tifo per lei perché è una persona capace ed stata sempre coerente. È una donna di buona volontà. Sarebbe bello se diventasse la prima donna italiana presidente del Consiglio“.

Su Berlusconi: “Potrebbe fare la differenza”

La cantante su Silvio Berlusconi, invece, ha detto: “Riserva sempre delle sorprese e potrebbe fare la differenza e venire fuori molto bene da queste elezioni.

L’importante è fare una buona campagna elettorale e mantenere fede a quello che si dice”. Poi ha aggiunto: Ho sempre amato Berlusconi, l’ho sempre stimato moltissimo e ho sempre creduto nella sua forza e nella sua determinazione. Quello che spero è che valorizzi le persone valide che ha accanto e non quelle che non lo sono”.  “Con chi ce l’ho? Non ve lo dico, Berlusconi capirà cosa intendo “, sottolinea la cantante.

La Zanicchi ha commentato la campagna elettorale estiva invitando tutti ad andare a votare: “Tra un comizio elettorale e un bel concerto la gente ovviamente ora sceglie il concerto. Questo è un momento molto importante per la democrazia del nostro Paese. Bisogna essere saggi e scegliere le persone giuste. Ora dipende da noi chi mandare al Governo, bisogna andare a votare”.

 

LEGGI ANCHE: Federica Pellegrini, matrimonio rimandato con Giunta: non ci sarà il 27 agosto ed è un mistero