Chi è la compagna brasiliana di Andrea Pucci: tutto su Priscilla Prado

Chi è la compagna di Andrea Pucci, la brasiliana Priscilla Prado. Tutto sulla dolce metà del comico milanese: lavoro, vita privata, figli.

Chi è Priscilla Prado, la compagna di Andrea Pucci. Al fianco del comico milanese dal 2009, è di origine brasiliana ed è molto riservata. Cosa sappiamo su di lei? Che lavoro fa? È mai apparsa in tv?

Chi è la compagna di Andrea Pucci, Priscilla Prado: vita privata, carriera, figli

Nata nel 1984 e di origine brasiliana, Priscilla Prado ha 38 anni ed è la compagna del noto comico Andrea Pucci. È insieme all’attore dal 2009 ed è sempre stata molto riservata, preferendo schivare quanto più possibile l’attenzione dei media.

A differenza del compagno, infatti, non ha mai preso parte a programmi televisivi. Alla fama Priscilla preferisce la sua carriera nel mondo nella moda, come consulente di stile e immagine, nonché come imprenditrice. Lavora per la maison milanese Botondi, brand di alta sartoria che crea capi di qualità dal 1982. Prado è inoltre la madre di due gemelli, Luca e Giulia, nati da una precedente relazione quando lei aveva solo 21 anni.

Vita privata, la storia con Pucci: “Insieme ne abbiamo passate tante”

Non è noto come Priscilla Prado e Andrea Pucci si siano conosciuti, un dettaglio che la coppia non ha mai svelato al pubblico. Il loro rapporto, dopo tanti anni e moltissime sfide, è ancora solidissimo. Lo racconta la stessa Priscilla sul suo profilo InstagramNe è passata di acqua sotto i ponti da allora. Ne abbiamo vissute di esperienze… belle, bellissime, uniche, irripetibili, folli, tristi, tristissime, da non ripetere. Ci siamo amati pazzamente.

In alcuni momenti fino ad odiarci. Ci siamo persi. E divisi abbiamo cercato disperatamente di vivere vite felici. Ma la verità è che non abbiamo mai smesso di cercarci, di desiderarci e di ritrovarci”.

“Oggi siamo più complici di sempre.” -afferma la brasiliana- “Siamo innamorati più che mai, felici di un presente che, nonostante mille limiti, è un regalo. Ed entusiasti di un futuro assieme che ha ancora tanto da offrirci. Non mi guardò indietro: sono esattamente dove voglio essere”.