Centrale nucleare di Chernobyl senza corrente: quali rischi?

La centrale nucleare di Chernobyl è rimasta senza corrente e il ministro degli esteri ucraino lancia l'allarme sicurezza

La centrale nucleare di Chernobyl è rimasta senza corrente e, nonostante numerose rassicurazioni, il mondo si interroga: quali sono i rischi di tutto questo?

Chernobyl senza corrente: i rischi

La questione Chernobyl sta diventando importante e sta mettendo in allarme. L’energia elettrica della rete nazionale ucraina, infatti, non arriva più alla centrale. Il motivo? I russi hanno “completamente scollegato dalla rete elettrica” la centrale nucleare di Chernobyl, finita sotto il loro controllo il 24 febbraio 2022.

Leggi anche: Chernobyl, storia vera di un disastro nucleare

Chernobyl, sicurezza a rischio?

Se ciò comporti un rischio per la sicurezza della centrale di Chernobyl, questo però non è chiaro. Per ora l’Aiea (l’Agenzia internazionale per l’energia atomica) rassicura, ma il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha chiesto alla Russia una tregua e un cessate il fuoco per fare degli approfondimenti e poter eseguire la riparazione.

Il ministro degli esteri ha poi aggiunto che l’interruzione di corrente alla centrale di Chernobylcauserà a breve il blocco dei sistemi di raffreddamento dell’impianto di stoccaggio del combustibile nucleare, rendendo imminente la fuoriuscita di radiazioni”.

Sul tema è intervenuta anche Energoatom, l’agenzia responsabile del nucleare in Ucraina. “Circa 20mila elementi di combustibile esaurito sono immagazzinati nell’impianto di stoccaggio. Hanno bisogno di un raffreddamento costante, possibile solo se c’è elettricità.

Di conseguenza, la temperatura nelle vasche di raccolta aumenterà, subendo delle impennate e rilasciando sostanze radioattive nell’ambiente”.