Bruce Lee, la causa della morte dopo 50 anni: un studio ha svelato i motivi

Bruce Lee, la causa della morte: dopo anni si torna a parlare del prematuro e famoso decesso. Una nuova ipotesi arriva dagli Stati Uniti.

Bruce Lee, la causa della morte: dopo quasi 50 anni si torna a parlare dell’attore e il campione di arti marziali. nel tempo si è fantasticato anche sulle cause del suo decesso così prematuro. Oggi, un nuovo studio avanza un’altra ipotesi.

Bruce Lee, la causa della morte dopo 50 anni

Uno studio avrebbe svelato la morte di Bruce Lee avvenuta a Hong Kong nel luglio del 1973. Le nuove ipotesi sono contenute in uno studio pubblicato nel numero di dicembre del “Clinical Kidney Journal”.

La morte dell’attore e dell’artista marziale è diventata quasi una leggenda nel tempo. Si è parlato di omicidio, di un avvelenamento da parte della mafia cinese. Persino della vendetta di un’amante. In realtà, dopo la sua morte si parlò che il decesso avvenne a causa di un edema celebrale. Oggi, lo studio americano cambia le carte in tavola.

Un studio ha svelato i motivi

Dunque, lo studio ha ipotizzato che Bruce Lee sarebbe morto improvvisamente a soli 32 anni a causa di una “forma specifica di disfunzione renale, ossia l’incapacità di espellere abbastanza acqua dal corpo”.

“Ipotizziamo che Bruce Lee sia morto per una forma specifica di disfunzione renale – si spiega nell’articolo del “Clinical Kidney Journal” intitolato “Who killed Bruce Lee? The hyponatraemia hypothesis” -: l’incapacità di espellere acqua a sufficienza per mantenere l’omeostasi. Questo può portare a iponatremia, edema cerebrale e morte entro poche ore se l’eccessiva assunzione di acqua non è accompagnata dall’escrezione del liquido nelle urine. Il fatto che siamo costituiti per il 60% da acqua – prosegue – non ci protegge dalle conseguenze potenzialmente letali di bere acqua a una velocità superiore a quella che i nostri reni possono espellere”.

 

LEGGI ANCHE: Roberto Maroni, che malattia aveva l’ex ministro della Lega?