Bergamo, seggi bloccati: nomi sbiaditi sulle schede, interviene la Prefettura

Seggi bloccati a Bergamo, nomi sbiaditi o parziali sulle schede elettorali. La Prefettura al lavoro per sostituirle in diverse sedi.

Seggi bloccati a Bergamo, segnalati nomi sbiaditi sulle schede: la Prefettura si attiva per sostituirle. Sono decine i seggi fermi nella provincia lombarda a causa di questo problema imprevisto. La Prefettura rassicura: “Le schede restano valide”.

Bergamo, nomi sbiaditi o parziali e seggi bloccati: interviene la Prefettura

Un fastidioso intoppo ha bloccato diversi seggi elettorali in provincia di Bergamo. È stop al voto in decine di sedi a Zogno, Arcene, Fara Gera d’Adda, Dalmine, Stezzano e Scanzorosciate a causa di palesi imprecisioni sulle schede elettorali.

Molte di queste, infatti, risultano sbiadite. Questo il messaggio della Prefettura di Bergamo: “È stato segnalato che alcune schede del Collegio plurinominale 1 – Collegi uninominali 1 e 2 riportano parzialmente il nome della lista Alleanza Verdi Sinistra Elisabetta Maffioletti. Si prega di segnalare, contattando tutti i Presidenti di seggio se tale problema si è riscontrato in codesti comuni”. Secondo le segnalazioni, su molte schede il nome della candidata risultava essere solo “Elisa”.

LEGGI ANCHE: Come si vota per le elezioni politiche 2022

La Prefettura al lavoro per sostituire le schede: “Usare prima quelle nuove, le schede sbiadite restano valide”

La Prefettura è al momento al lavoro per stampare e sostituire le schede. I nuovi documenti verranno utilizzati in via prioritaria una volta consegnati ai seggi. Se non dovessero bastare, tuttavia, la Prefettura apre all’utilizzo delle schede interessate dal difetto di stampa, per velocizzare il voto: “Le schede interessate dalla cennata sbiaditura restano comunque valide”.

LEGGI ANCHE: Elezioni politiche 2022, affluenza alle urne: i dati in diretta