Live

Allerta meteo al centro-Sud per il 16 novembre, scuole chiuse a Cagliari

Maltempo in Italia, allerta meteo al Centro-Sud. In Sardegna il sindaco di Cagliari chiude scuole e parchi per precauzione

L’Italia continua ad essere invasa da piogge e forti temporali. Per la giornata di domani, martedì 16 novembre, è di nuovo allerta arancione su parte della Sardegna e allerta gialla in tante regioni del Centro-Sud.

Secondo il bollettino emesso dalla protezione civile sulla penisola sono attese “correnti meridionali umide e instabili”. Sono quindi attese “precipitazioni che dalle regioni meridionali peninsulari si estenderanno alle regioni del medio versante adriatico”. 

Allerta meteo Sardegna

Nella regione Sardegna il Dipartimento di Protezione civile ha diramato una allerta arancione per rischio idrogeologico (soprattutto dovuto alle frane), mentre nelle altre regioni sono previsti anche allarmi soprattutto per il rischio temporali. Sono attese precipitazioni forti che possono portare ingenti disagi soprattutto nell’Italia meridionale. Campidano, Bacini Flumendosa, Flumineddu, Iglesiente sono le zone sarde più a rischio.

Leggi anche: Maltempo Italia, ultime notizie: in Sardegna un morto e tanti disagi

Allerta meteo, il sindaco di Cagliari chiude scuole e parchi

Il maltempo di metà novembre tende ad essere molto forte in Sardegna motivo per cui a Cagliari, nella giornata di domani 16 novembre, il sindaco ha deciso di chiudere le scuole per precauzione. Paolo Truzzo, primo cittadino di Cagliari, ha infatti firmato un’ordinanza di chiusura degli istituti valida per tutte le scuole cittadine di ogni ordine e grado con conseguente sospensione delle attività didattiche. Chiusi anche, per precauzione, parchi, impianti sportivi, biblioteche, musei, asili nido. Non è escluso che nel corso della serata altri sindaci prenderanno la stessa decisione.

Maltempo, le altre regioni in allerta gialla

Le altre regioni a rischio disagi per il forte maltempo, e che sono state poste in allerta gialla, sono Campania, Basilicata, Molise, Marche, Abruzzo e su parte di Sicilia, Calabria, Puglia.