Economy Tesla cerca qualcuno che tolga Twitter dalle mani di Elon

Tesla cerca qualcuno che tolga Twitter dalle mani di Elon

Nell’ottobre del 2020 Tesla ha deciso di smantellare il suo reparto di pubbliche relazioni. Da allora, come nota anche l’informato sito Electrek, contattare l’azienda è diventa particolarmente difficile, anche per i clienti stessi, tanto che si è giunti alla bizzarra situazione per cui “il modo migliore di essere nel radar di Tesla è twittare a Elon Musk”. Che è come dire: se hai un problema con la tua Golf, tagga su Twitter il CEO di Volkswagen – un metodo che è palesemente poco efficace. Alla luce di questo non deve stupire troppo la notizia di un annuncio di lavoro pubblicato sul sito del produttore americano per una posizione che sembra pensata per colmare il vuoto di PR: un “customer support specialist” (da remoto). La mission di questa figura sarà “risolvere o approfondire con pensiero critico le critiche attraverso i canali appropriati e i social network, e gestire le escalation dirette al CEO”.

Cosa vuol dire? Che qualcuno dovrà gestire i polveroni creati da Elon Musk, certo, ma anche che Tesla sta crescendo, da molti punti di vista, e ha finalmente capito che serve un canale di comunicazione tra sé e i suoi clienti (e fan). Anche se non vorremmo proprio essere nei panni di chi dovrà filtrare tutti i tweet ricevuti da @elonmusk, questa decisione dimostra che qualcuno ai vertici dell’azienda ha capito che non si può andare avanti così, e sarà inevitabile ricostruire una sezione dedicata alle PR. Come convincere Elon a farlo? Magari mandandogli un tweet.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita

Nei CdA italiani le donne sono il 38%

In Italia 46 donne Ceo. Nel nel settore sanitario sono il 70% della forza lavoro ma solo il 25% in posizioni di leadership. Ma le leggi funzionano: Quando Lella Golfo ha presentato la legge nel 2011, c'erano solo 170 donne nei Consigli di Amministrazione italiani, contro più di 2.700 uomini, un livello del 6%. Oggi siamo al 38%