Economy Il primo sindacato per smart workers d'Italia

Il primo sindacato per smart workers d’Italia

L’idea è nata prima della pandemia. Da tempo Gilberto Gini, responsabile nazionale di Smart Workers Union, voleva portare anche in Italia una certa “mentalità”, come la chiama lui, tipica del lavoratore remoto. Il Covid ha accelerato i tempi, com’è noto, portando alla creazione del sindacato, che tra poco compierà il primo anno di vita.

Smart Workers Union è un sindacato atipico. Assieme alla tradizionale tutela del lavoratore, infatti, vuole portare avanti anche un lavoro di divulgazione e aggiornamento. Punta ad arrivare a tutti, dipendenti e non, pubblici e privati, perché lo smart working è “un cambiamento di paradigma che ha ripercussioni sull’ambiente, il benessere, la qualità stessa del lavoro”. La realtà dei fatti, secondo Gini, è che in futuro non ci sarà tanto lavoro per tutti. Digitalizzazione e automazione ridurranno il carico globale e ciò porterà a una riduzione degli orari, oltre che a misure come l’universal basic income. L’uomo “dovrà occuparsi d’altro, sfruttare le macchine e il digitale” per liberarsi dal lavoro.

L’ibrido non è la soluzione

La transizione non sarà semplice. “Oggi viene proposto il formato di lavoro ibrido ma a giorni fissi e alterni, decisi a priori”, spiega il responsabile. “Non è questa la soluzione, è un contentino per i sindacati”. La vera risposta dev’essere flessibilità, una trasformazione profonda della società, con l’inevitabile fine (parziale) del pendolarismo e dei movimenti fisici di persone. Quello che molti lavoratori stanno vivendo in questo momento è home working: non smart working. Non basta lavorare da casa per aver compiuto la rivoluzione che sarà resa necessaria nei prossimi anni.

Ci vorrà del tempo, quindi. E l’Union è per ora soddisfatta dei suoi primi passi. “Molta attenzione da parte dei lavoratori ma anche dei media e della politica”, prosegue Gini. A mostrare diffidenza sono proprio i sindacati tradizionali, forse confusi da un sindacato che non vuole avere sedi fisiche e punta anzi tutto sulle piattaforme online. Non il Rousseau dei grillini, ma una piattaforma trasparente e anonima, in cui dibattere e mettere ai voti le mozioni.

Solo l’inizio

Nei prossimi mesi Smart Workers Union aprirà le iscrizioni. Ci si potrà registrare come semplice “lavoratore” (per avere le tutele tradizionali) ma anche come “sostenitore”, una figura attiva che aiuterà la sigla a promuovere questa nuova forma di lavoro. Che, alla fine, è una vera e propria idea alternativa di società.

Se il primo anno è stato un test, è stato superato con successo. “La vera sfida saranno le piccole-medie imprese”, dove c’è ancora un’idea di controllo vecchio stile che mal si sposa con il vero smart working.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tutti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura