Economy Reskilling e sostenibilità: saranno queste le priorità del lavoro del futuro?

Reskilling e sostenibilità: saranno queste le priorità del lavoro del futuro?

Ormai è chiaro: nessuno sa con certezza come sarà il lavoro del futuro o quali forme assumerà. Per questo negli ultimi mesi si sono moltiplicati gli studi, i sondaggi e le previsioni sull’argomento. Mercer, la multinazionale di consulenza sul lavoro, ha appena pubblicato il suo contributo al dibattito, il “2021 Global Talent Trends Study”, in cui ha delineato tre “priorità” sulla base di interviste a 7.300 senior executive, direttori del personale e dipendenti in 44 Paesi.

Flessibilità e reputazione

I tre punti chiave sono: upskilling e reskilling; la creazione di una cultura lavorativa salutare; la reinvenzione della sostenibilità. Partiamo dal primo, che consiste nell’aggiornamento e nella trasformazione continua dei lavoratori e dei talenti, che interessa il 58% degli intervistati in Italia. Il 39% è invece focalizzato sulla flessibilità e sulla ridefinizione degli orari e dei luoghi di lavoro, inevitabile conseguenza del Covid-19. Il secondo punto indica l’importanza crescente di un ambiente di lavoro fatto di rispetto e trasparenza: “La reputazione delle aziende che non hanno a cuore la salute delle persone – si legge nel report – ne rimette”, così come la loro capacità di attirare nuovi talenti.

Sostenibilità

Infine, la sostenibilità: in questo caso non si parla di energia e ambiente ma di una sostenibilità professionale, ovvero quanto un luogo di lavoro riesce a mantenere vivo l’interesse dei suoi dipendenti. Per il 42% degli intervistati è essenziale una maggiore assistenza al benessere mentale dei lavoratori, con una minoranza del 16% che richiede una “strategia” interna per la felicità dei lavoratori, anche da remoto.

“Le aziende etiche mirano ad obiettivi sostenibili”, secondo l’amministratore delegato Mercer Italia Marco Morelli. “Legare gli obiettivi Esg (ambiente, sociale e governance), alla proposta di valore centrale dell’azienda e integrare queste metriche nelle scorecard dei decisori, sono solo due degli approcci che secondo noi dovranno perseguire le società nel 2021 se vogliono essere vincenti”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Inalca, azienda leader nell’industria della carne: attività, governance, fatturato

Leader nell’industria della carne, Inalca è una delle poche aziende in Italia che segue tutta la filiera, dall’allevamento alla vendita

Hotelturist (Th Resorts): società, azionisti, management

Conoscere nuovi posti e assaporare prelibatezze culinarie, tutto da vivere in luoghi magici e soprattutto accoglienti. Hotelturist, società operante nel settore alberghiero,...

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tuti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura