Economy La violenza sulle donne è ogni giorno, occorre ricordarlo

La violenza sulle donne è ogni giorno, occorre ricordarlo

Un recente studio dell’ISTAT ha messo in luce quanto la violenza sessista nel luogo di lavoro sia ancora un enorme problema, che è stato solo acuito dalla precarietà e incertezza causati dalla pandemia. In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne 2020 dello scorso 25 novembre, la Fondazione Studi consulenti del lavoro ha publicato un dossier secondo cui un milione e mezzo di donne (8,9% delle lavoratrici) ha subito una molestia fisica a lavoro, mentre a subire ricatti a sfondo sessuale è stato il 7,5% (un milione e 173 mila persone), per l’assuzione e o l’avanzamento di carriera.
 
Ricatti, molestie, aggressività e sfruttamento vero e proprio sono un fenomeno per milioni di donne lavoratrici – o aspiranti tali. Sono soprattutto le più giovani a subirle (il 2,9% per la fascia tra i 15 e i 24 anni; il 3,1% per quella tra 25 e 34 anni; il 3,3% fra le 35-44enni) ma anche il titolo di studio sembra influire in questi casi, con quasi il 4% di laureate che hanno vissuto episodi simili. 

Numeri, quelli che abbiamo appena visto, che sembrano fare rumore solo pochi giorni all’anno, di solito attorno all’8 marzo (la Festa delle donne) o alla citata Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che non a caso negli ultimi anni ha avuto un’eco mediatica e politica sempre più grande. Secondo uno studio dell’Eures aggiornati a ottobre, le donne vittime di omicidio sono state 91: una ogni tre giorni. Nell’89% dei casi il contesto in cui avvengono è quello familiare, ma il mondo del lavoro e quello di internet seguono a ruota, come dimostrato dal recente caso di revenge porn che ha riguardato la maestra di Torino il cui video privato è stato condiviso su Whatsapp dall’ex ragazzo. Da qui, come sappiamo, è dilagato di chat in chat fino ad arrivare ai genitori degli allievi stessi, portando al licenziamento della professoressa.  

In tempi di #MeToo, scandali e “cancellazioni” mediatiche, sarebbe il momento di sottolineare come la questione della violenza e degli abusi sulle donne non sia solo un tema da campagne social e inchieste giornalistiche ma, per la stragrande maggioranza delle donne, una tragedia quotidiana. E, spesso, segreta. Personale. Perché si ha paura di parlare, ci si vergogna, o si temono le conseguenze. Occorre quindi lavorare per cambiare la cultura nel nostro quotidiano, per le persone comuni, oltre che per le star.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Reinventing Cities: pasticcio su Ferrovienord. Vince Hines ma il Nodo Bovisa è a rischio

L'offerta di Hines vince su Bovisa con 35 milioni per le aree. Ma c'è una sede di Ferrovienord che da sola costa 60 milioni di euro e non è prevista dal bando. Chi la paga? Ora la gara di Reinventing Cities rischia lo stallo. Manca una firma e il peso è tutto sulle spalle del dirigente di Palazzo Marino, Marino Bottini

Come sarà la riforma dell’Irpef di Draghi?

Tra gli obiettivi del PNRR c’è una profonda riforma fiscale principalmente attraverso una revisione dell’IRPEF. Che cosa ha in mente Draghi?

FS, Cdp, Camera di Commercio: che affari per David Casalini, re delle startup consulente della Pisano

David Casalini, fondatore e amministratore delegato di StartupItalia, è stato consulente della Pisano. Ma anche adesso che al ministero c'è Colao...

Processo Ubi: chiesti 5 anni per Santus, nella Bergamo che conta tremano Diocesi e Vaticano

La procura chiede 5 anni per Armando Santus, ex vicepresidente del Consiglio di Sorveglianza della Banca, numero uno della Fondazione Papa Giovanni XXII e fratello di un membro della segreteria di Stato vaticana. Dopo aver perso la banca locale a Bergamo tremano anche in Santi cittadini

Reinventing Cities: il Comune tira sul prezzo, i Cabassi boicottano la gara

Ormai la notizia gira nel mondo immobiliare. Reinventing Cities? I Cabassi (e tanti altri operatori) non saranno più della partita