Economy Il mondo (e il lavoro) dopo la pandemia, secondo Bill Gates

Il mondo (e il lavoro) dopo la pandemia, secondo Bill Gates

Strana sorte, quella di Bill Gates. Il fondatore di Microsoft aveva parlato cinque anni fa del pericolo di una pandemia (come quella di Covid-19) in una TED Talk, e di conseguenza c’è chi pensa che sia tra i registi occulti di questa tragedia. Una follia, ovviamente. Nonostante le fantasia paranoiche di alcuni, Gates ha idee piuttosto precise su come sarà il futuro post-pandemico, specie per quanto riguarda il mondo del lavoro, e ne ha parlato anche nella prima puntata del suo nuovo podcast, che tiene con l’attrice e scrittrice Rashida Jones.   I movimenti, innanzitutto, non torneranno alla normalità che conosciamo: “La mia previsione è che perderemo il 50% del traffico aereo e più del 30% dei giorni passati in ufficio”, a conferma del potere delle videoconferenze (che possono rendere i movimenti di lavoro inutili) e dello smart working in genere. “Per la prima volta,” ha spiegato a Jones, “l’idea di fare una lezione o una riunione solo su schermo cambierà tutto profondamente.” Si andrà meno in ufficio ma “si potrà persino condividere gli spazi con un’altra azienda”, di fatto alternando le presenze dei dipendenti e dimezzando i costi.   Nella puntata si è parlato anche delle teorie cospiratorie sul 5G che lo vedono protagonista, e il miliardario ha scherzato: “ Se vuoi un cattivo, è utile trovarlo con più soldi di quanti un umano dovrebbe averne, e convinto di essere troppo intelligente.” Quando Rashida Jones gli ha chiesto se si ritiene troppo intelligente, Gates si è messo a ridere: “Assolutamente sì!”

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Plastic tax, l’eterno rinvio della tassa che tutti odiano

Plastic tax rinviata a gennaio 2022? Secondo la bozza del nuovo decreto sostegni sì, ma si attende l'ufficialità. Federazione gomma plastica e Coldiretti si oppongono alla misura