Economy Il robot magazziniere di Boston Dynamics

Il robot magazziniere di Boston Dynamics

Forse ve ne ricorderete per quei robot che camminano e saltano come umani. Ma la Boston Dynamics, azienda americana produttrice di androidi molto acrobatici, è anche di più. L’ultima sua creazione si chiama “Stretch” ed è una macchina forse meno agile di altre ma in grado di spostare circa 800 scatole all’ora. Un prodotto sperimentale che sembra cascare a fagiolo, proprio mentre i dipendenti di Amazon protestano in tutto il mondo. Italia compresa.

Una macchina da lavoro

In realtà l’ultima creazione di Boston Dynamics è un passo avanti per la realtà statunitense recentemente comprata da Hyundai. Non è sofisticata come il cane-robot Spot che abbiamo visto nei video virali, ma Stretch è pensato per determinati contesti. È un robot da lavoro. Da magazzino. Può muoversi con velocità e muovere pacchi e scatoloni in altezza fino a un peso di 23 chilogrammi.

Il video di presentazione di Stretch / Boston Dynamics

La novità che interessa Boston Dynamics c’è, anche se sottile. Nei magazzini, di solito, le macchine di questo tipo sono stazionarie, ed è attorno a loro che si organizza il “flow” lavorativo. Questo robot, com’è evidente dalle sue ruote, è invece mobile, relativamente leggero e in grado di adattarsi a diverse esigenze. “Puoi prenderlo e metterlo nel retro del tuo furgone, spostarlo nel corridoio o nella catena di montaggio”, ha spiegato Michael Perry di Boston Dynamics al sito The Verge.

Le origini di Stretch

Stretch non è venuto dal nulla. Già nel 2019 Boston Dynamics aveva acquisito Kinema System, azienda che aveva progettato un robot simile chiamato “Handle”. Handle rappresentava un passo nella giusta direzione ma il suo enorme braccio meccanico lo rendeva poco bilanciato. Stretch usa una struttura diversa e più snella. E, soprattutto, più equilibrata.

Le opportunità di conquista di mercato sono notevoli per questo robot. Ad oggi, infatti, sono ben pochi i magazzini ad essere robotizzati, perlopiù per motivi di spesa e per la “rigidità” di queste macchine. Stretch potrebbe cambiare tutto, sia per i magazzini delle piccole-medie imprese che per le gigantesche warehouse di Amazon.

Insomma, invece di litigare su Twitter con Elizabeth Warren, Jeff Bezos dovrebbe forse prendere appunti. Ammesso che non ci stia già pensando, ovviamente.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Più articoli dello stesso autore

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana

Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Le uscite di Beppe Grillo e Massimo D'Alema pro Cina disturbano il premier Mario Draghi, che punta sull'asse filo-atlantico

Christian Eriksen, miracolo a metà: i medici gli hanno salvato la vita (ma il futuro è lontano dal calcio)

Grazie alla grande professionalità dei medici, Christian Eriksen sta bene. Ma il suo futuro sarà lontano dai campi da calcio

Iscriviti a True Economy

Ogni lunedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella email

Notizie Correlate

Festival dell’Economia di Trento, Tito Boeri “sacrifica” gli economisti e l’evento diventa un flop

Il primo Festival dell'Economia di Trento post-Covid è un flop con poche riflessioni di sostanza. Pochi gli economisti, tanti i giornalisti

Recovery Plan, quali parole ricorrono nel documento? Vincono “Resilienza” e “digitale”, bye bye per “stipendio” e “abitare”

Le parole più citate nel documento del Recovery Plan? "Resilienza" e "digitale". Maglia nera per "stipendio" e "abitare"

Varie ed eventuali sull’evoluzione dell’economia

da Webuild a Flavio Briatore passando per la cybersicurezza: notizie in pillole sull'evoluzione dell'economia

Il G7 2021 in Cornovaglia partorisce la “global minimum tax”: ecco le basi per l’accordo

Tassa minima del 15%, applicata Paese per Paese, non più vincolata al domicilio fiscale di una multinazionale. Se ne è parlato al G7 2021

La tassa patrimoniale è una misura poco italiana: in 100 anni applicata solo 6 volte

La tassa patrimoniale in Italia? Approvata solo in emergenza. Lo dimostra che in 100 anni è stata applicata soltanto sei volte. Ma da chi?