Working Che ne sarà delle agenzie di viaggio dopo la pandemia?

Che ne sarà delle agenzie di viaggio dopo la pandemia?

Segnali preoccupanti dal turismo. Questa volta non parliamo di aeroporti, ristoranti e hotel ma delle agenzia di viaggi, che proprio nel 2019 avevano fatto segnare un + 16,4% di prenotazioni rispetto i dodici mesi precedenti. Il 2020 doveva portare un boom, frutto di un lungo lavoro da parte delle agenzie per presentarsi come interlocutori affidabili e sicuri in un mare di offerte online. La pandemia ha ovviamente fatto saltare tutto, bruciando speranze e opportunità. A tal proposito, secondo un’indiscrezione di True-News, c’è un grosso tour operator che da qualche settimana sta chiamando le agenzie di viaggi, e non per vendere nuovi pacchetti vacanze, ma per sapere se riapriranno. I risultati di questa indagine sono drammatici: più della metà delle realtà contattate non sanno se riapriranno mai. Le conseguenze – e non solo – della crisi e dell’incertezza che tuttora esistono saranno pesantissime per il settore, ma hanno già fatto molti danni. Quando riapriremo tutto, il panorama sarà sicuramente diverso per le agenzie di viaggi.

Più articoli dello stesso autore

Eugenio Comincini, ritratto di un renziano responsabile

Radicato nel territorio e buon amministratore locale. Eugenio Comincini è un "renziano" della prima ora che non ha debiti con Renzi. Sarà lui l'ago della bilancia in Senato?

Roulette romana. Il Pd estrae Madia e Lorenzin per il Campidoglio

Le due ex Ministre nella corsa per il sindaco di Roma? "Per vedere l'effetto che fa nell'elettorato" assicurano. E con il Covid la campagna elettorale lampo rischia di diventare una maratona

Milanexit, chi entra e chi esce a Palazzo Marino?

Il nodo liste nel Partito democratico di Milano: fuori dal consiglio comunale Carlo Monguzzi, David Gentili, Natascia Tosoni e Aldo Ugliano

Notizie Correlate

Come fare team building virtuale senza morire dentro

Nonostante pandemia e smart wroking, si possono fare attività di gruppo, anche virtualmente

E tu sei pronto ai team distribuiti?

Gestire una squadra quando non tutti sono in presenza non è facile, ed è una skill da imparare