Sports Il nuovo San Siro val bene una Cattedrale

Il nuovo San Siro val bene una Cattedrale

Finita la festa ed esaurita la coda dello scudetto, per la famiglia Zhang arriva il momento della verità. Due i fronti aperti. Uno è quello che porta al finanziamento con cui tenersi stretta l’Inter in attesa di tempi migliori, quando sarà possibile tornare sul mercato per cercare un socio di minoranza (difficile) o un nuovo acquirente in grado di garantire più degli 800 milioni di euro messi sul tavolo da BcPartners e rifiutati dal gruppo cinese. L’altro è il dossier stadio che giace in qualche cassetto di Palazzo Marino e aspetta di essere scongelato.

Riassunto delle puntate precedenti

Breve riassunto delle ultime puntate: con l’avvicinarsi delle elezioni amministrative il sindaco Sala si è raffreddato sull’ipotesi di concedere il via libera all’operazione da 1,5 miliardi di euro che da due anni stanno costruendo i club insieme al Comune. L’accordo è stato trovato su tutto, la trattativa sulle volumetrie e su quanto circonderà il nuovo impianto è finita e lo stesso dicasi per il destino di quello che resterà in piedi dello storico San Siro. Però tutto è fermo e, dopo essersi scambiati fendenti a mezzo stampa per la pretesa di Sala di bloccare tutto in attesa di rassicurazioni sulla proprietà cinese dell’Inter, il lavoro delle diplomazie è ripreso solo sotto il pelo dell’acqua.

Il triangolo Suning-Sala-Elliot

L’ultima posizione ufficiale dell’inquilino di Palazzo Marino è che se Suning conferma al Comune che sarà a capo dell’Inter per i prossimi tre anni, non ci saranno problemi a dare il via libera ai lavori. Difficile che Steven Zhang possa mettere per iscritto la rassicurazione che Sala chiede, mentre il fondo Elliott continua ad osservare in rispettoso silenzio ma anche con una certa fretta di capire se si potrà arrivare all’obiettivo.

Lo scenario senza Sala

E se in autunno, invece di Sala, vincesse il centro destra? Lo stadio si farà ugualmente, anzi. C’è la fondata possibilità che Milan e Inter possano avere meno problemi con una giunta che comprende Salvini piuttosto che con quella verde di Sala. Non è sfuggito il cambio repentino di opinione del leader leghista sul tema “nuovo San Siro” nei mesi scorsi.

La partita, insomma, è aperta. Dentro il dossier resistono i due progetti in corsa, quello di Sportium (Gli anelli di Milano) e quello di Populous (La Cattedrale). L’annuncio del vincitore doveva essere fatto nel 2020 ed è stato più volte rimandato. Ora non si fanno date, ma la sensazione è che si tratti di una sfida con un favorito chiaro e che ai due club attiri molto l’idea di mettere la… Cattedrale al centro del villaggio.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Coca Cola, a Cristiano Ronaldo non piace e la oscura. Ma l’episodio è grave (non da ridere)

Il gesto di Cristiano Ronaldo di nascondere la Coca Cola, uno dei partner ufficiali della Uefa, è grave e illegittimo

Tutti i nuovi social network a cui iscriversi

Da Poparazzi a NewNew passando per BeReal

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Coca Cola, a Cristiano Ronaldo non piace e la oscura. Ma l’episodio è grave (non da ridere)

Il gesto di Cristiano Ronaldo di nascondere la Coca Cola, uno dei partner ufficiali della Uefa, è grave e illegittimo

Inter e Giorgio Armani, quella voglia (smentita) del re della moda in nerazzurro

Giorgio Armani all’Inter per ripetere quanto fatto con l’Olimpia del basket? Una voce che gira a Milano e c'è chi ci spera...

Europei 2021 Wags italiane: chi sono le mogli e le fidanzate dei calciatori azzurri

Sono cominciati da venerdì 11 giugno gli Europei 2021 e l’attenzione è stata tutta concentrata sui primi incontro in campo, sul calendario...

Maurizio Costanzo alla Roma come nuovo capo comunicazione: primo calcio con il piede sbagliato

Maurizio Costanzo nuovo capo della comunicazione della Roma targata Josè Mourinho: che sorpresa (per lo staff giallorosso)

Superlega, dopo lo stop alla Uefa che cosa fanno i club pentiti?

Ufficialmente sono fuori dal progetto della Superlega, vincolati dal patto siglato con la Uefa per limitare le sanzioni a una piccola multa. Ma Milan, Inter e le altre fuoriuscite...