Palomino, tribunale antidoping assolve il calciatore: fine di un incubo e si torna in campo

Palomino è stato assolto dopo la squalifica per doping che l'ha costretto a stare lontano dai campi per diversi mesi.

Palomino è stato assolto per l’accusa di doping. Dopo un controllo a sorpresa lo scorso luglio, il difensore argentino dell’Atalanta era stato immediatamente sospeso e costretto a stare lontano dai campo per tanti mesi. Ora potrà finalmente tornare a disposizione di mister Gasperini.

Palomino, tribunale antidoping assolve il calciatore

Josè Luis Palomino è stato  assolto dal Tribunale nazionale antidoping di Nado Italia. In questa stagione il difensore argentino dell’Atalanta non ha mai messo piede in campo a causa della squalifica per doping dopo un controllo a sorpresa che risale a qualche mese fa.

Palomino era risultato positivo al Clostebol Metabolita a fine luglio in un controllo a sorpresa effettuato da Nado Italia e che significò per il calciatore sospensione immediata.

Fine di un incubo e si torna in campo

Palomino finalmente è uscito da un incubo durato settimane e mesi che nessuno gli potrà restituire in carriera visto che questo stop gli farà saltare la convocazione in Nazionale per i Mondiali in Qatar che vedrà purtroppo per lui da casa.

Il difensore argentino si metterà subito agli ordini di mister Gasperini per tornare al 100% della forma probabilmente alla ripresa di inizio gennaio, visto che mancano solo due partite in una settimana prima della sosta per i Mondiali.

 

 

LEGGI ANCHE: Angela Celentano, la ragazza sudamericana farà il test del Dna: annuncio dell’avvocato della famiglia