Sports Non passa lo straniero

Non passa lo straniero

L’Italia non è un paese per vecchi e nemmeno per ricchi stranieri che vogliano mettere soldi nel calcio. Dei problemi di Suning con l’Inter sono piene le pagine dei giornali e al di là delle smentite ufficiali il tema della cessione del club nerazzurro, a meno di un lustro dal suo acquisto, è sul tavolo: sarebbe il terzo passaggio di proprietà dal 2013 a oggi, davvero troppo per dare stabilità a qualsiasi piano industriale. La famiglia Zhang fin qui ha speso (oltre 500 milioni di euro) senza raccogliere, con il progetto del nuovo San Siro ancora in fase embrionale. Anche Thohir, uscito di scena nel 2016, se n’è andato senza vincere nulla ma con almeno la soddisfazione di una discreta plusvalenza. A proposito di San Siro: Elliott che fin qui ha riversato una marea di soldi sul Milan per garantirgli stabilità (650 milioni in due anni) aspetta l’ok dal Comune di Milano per cominciare a veder rivalutato un investimento che sta dando i primi segnali positivi in campo.

E gli altri? Pallotta è uscito lasciando la Roma nei guai dal punto di vista del bilancio, senza stadio (e ci risiamo!) e con una semifinale di Champions League da esibire come vanto. Bocciato. Friedkin che gli è appena subentrato è troppo “giovane” per essere giudicato, ma fin qui ha solo pagato e il resto si vedrà… Lo stesso a Parma con Krause che si trova a gestire una squadra a rischio retrocessione. Il ricco Joey Saputo è al Bologna dal 2014, ci ha messo 200 milioni, ha un bel progetto per risistemare il Dall’Ara ma dal punto di vista sportivo i felsinei vivacchiano lontani dal salto di qualità che significa provare a giocare per l’Europa. Il suo socio iniziale Tacopina è finito a Venezia. A Firenze la luna di miele di Commisso è in fase d’esaurimento e non per colpa del solo patron americano. Ama ripetere di aver speso 300 milioni nei primi 7 mesi di presidenza, ha dotato il club di un progetto (avanzato) per un centro sportivo di primo livello ma sullo stadio il suo motto “fast, fast, fast” si è schiantato contro la burocrazia italiana. Va così a rilento da averlo indispettito al punto da cominciare ad evocare una possibile exit strategy se non gli lasciano fare quello che ha in mente.

Non passa lo straniero, insomma. Anche se il calcio italiano attira sempre più capitali da fuori. Se Suning cederà l’Inter lo farà a qualche fondo made in Usa o similari e lo stesso sta accadendo anche nelle serie minori: sono una ventina i club dalla B alla D in mano a proprietà a stelle e strisce. Il motivo? Semplice. Il calcio italiano costa ancora relativamente poco e promette margini di crescita, almeno a guardarlo da fuori. Chi è dentro, invece, ha scoperto una realtà differente e per ora paga. E basta.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Quanto costano i calciatori al minuto: Dimarco e Young

Federico Dimarco (Verona) e Ashley Young (Inter), tra ingaggio e tempo giocato: quando costano al minuto questi calciatori?

Olimpia Milano, più che un trionfo è il minimo sindacale

Tutti pazzi per l'Olimpia Milano, tornata alle Final Four di Eurolega dopo 29 anni. Ma attenzione a festeggiare per il "trionfo"

I 50 mila del calcio femminile

Nessuno conferma e nessuno al momento parla di cifre ufficiali, ma tra gli addetti ai lavori girano cifre che sanno tanto di reale...

Juventus verso la rifondazione, tra addii e nuovi arrivi. Rumors

La Juventus è diventata una polveriera: tutti contro tutti all'insegna del si salvi chi può. Ecco chi si prepara all'addio e chi è arriva...