Sports Il vero trash talking sportivo non c'entra nulla con Lukaku e Ibrahimovic

Il vero trash talking sportivo non c’entra nulla con Lukaku e Ibrahimovic

2 dicembre 1987. Gli Utah Jazz sfidano sul loro campo i Chicago Bulls di Michael Jordan. Durante la partita MJ schiaccia in testa al play avversario, John Stockton (1 metro e 85). Un tifoso in prima fila urla: “Hey Michael, prenditela con qualcuno della tua stazza”. L’azione successiva Jordan prende il pallone, salta e schiaccia, questa volta in testa al pivot avversario, Mel Turpin, 2 metri e 08. Tornando in difesa cerca il tifoso con lo sguardo e gli chiede: “Era grosso abbastanza?”

Per lo sport Usa è questo il più classico esempio di “trash talking”, quella sorta di dialogo che avviene sul campo tra alcuni sportivi. In Italia se ne è parlato in questi giorni in merito alla rissa verbale tra Lukaku e Ibrahimovic. In realtà non esiste esempio peggiore. Il trash talking infatti è qualcosa di culturale, nato ed ereditato sui playground americani dove lo sport è molto di più: è musica, è vita, è lotta sociale. Qui, commentare un’azione è quasi obbligatorio, sfidare un avversario anche a parole quasi automatico, per finire con una sonora risata. Il tutto però entro certi limiti. Il trash talking infatti non è mai insulto fine a se stesso, volgare, offensivo, violento. È quasi satira sportiva.

Ci sono storie di atleti che hanno fatto del trash talking una vera e propria forma d’arte. Nel mondo NBA indimenticabile Gary Payton, play di Seattle, uno che proprio non stava zitto mai e poi mai. Il trash talking poi ha regalato espressioni ormai di uso comune: celebre il “ball don’t lie” (il pallone non mente) che Rasheed Wallace gridava ad ogni tiro libero sbagliato dopo un fallo secondo lui dubbio. Oppure il “In your face” (in faccia a te) di Tim Hardaway dopo un epico crossover contro Charles Barkley e che oggi ha superato i confini degli Usa e del basket.
Tutto accettato dagli arbitri ma con certi limiti. Per un fischietto Usa davanti alla rissa Ibra-Lukaku non ci sarebbero stati dubbi: espulsione ed una bella, lunga, squalifica.

(Foto: YouTube)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Quanto costano i calciatori al minuto: Dimarco e Young

Federico Dimarco (Verona) e Ashley Young (Inter), tra ingaggio e tempo giocato: quando costano al minuto questi calciatori?

Olimpia Milano, più che un trionfo è il minimo sindacale

Tutti pazzi per l'Olimpia Milano, tornata alle Final Four di Eurolega dopo 29 anni. Ma attenzione a festeggiare per il "trionfo"

I 50 mila del calcio femminile

Nessuno conferma e nessuno al momento parla di cifre ufficiali, ma tra gli addetti ai lavori girano cifre che sanno tanto di reale...

Juventus verso la rifondazione, tra addii e nuovi arrivi. Rumors

La Juventus è diventata una polveriera: tutti contro tutti all'insegna del si salvi chi può. Ecco chi si prepara all'addio e chi è arriva...