Sports Lo scandalo degli arbitri UEFA

Lo scandalo degli arbitri UEFA

Ha suscitato più di una perplessità (e qualche imbarazzo) la visione del secondo episodio di Man in the middle, la produzione firmata Uefa che viene rilasciata in queste settimane e che racconta il punto di vista degli arbitri. Format interessante, che fa largo uso di audio inediti dei dialoghi tra direttore di gara, assistenti e Var in alcune delle partite calde delle ultime due stagioni di Champions League. A tratti auto assolutorio (quasi sempre vengono mostrate decisioni giuste), ma comunque un documento da non perdere visto che consente di violare uno dei santuari più difficili da espugnare: la segretezza di quanto accade in campo e che porta alla decisione dell’arbitro.

La perplessità nasce da quanto contenuto in mezzo alla seconda puntata quando Man in the middleracconta la storia di Chelsea-Ajax, sfida del girone di Champions League giocata nel novembre 2019 a Stamford Bridge e finita 4-4. Di questa partita si erano già occupati i tabloid e i giornali olandesi, questi ultimi decisamente poco convinti della direzione di gara del nostro Gianluca Rocchi. Tema del contendere, il rigore con doppia espulsione a mezz’ora della fine che aveva consentito al Chelsea di avviare la rimonta e lasciato l’Ajax in nove uomini. Episodio cruciale di una partita decisiva in un girone finito con l’eliminazione dei lancieri di Amsterdam per un solo punto costato almeno una dozzina di milioni di euro.

CLICCA QUI PER GUARDARE IL II EPISODIO DI “MAN IN THE MIDDLE”
(DA 27’00” A 28’30”)

Bene. Dall’ascolto degli audio pubblicati dalla Uefa si scopre oggi che una delle due espulsioni fu chiamata direttamente dal Var. “Devi ammonire anche il 3” si sente dire da voce stentorea e impossibile da non riconoscere. Ammonire che, nel caso del numero 3 significa espellere avendo sulle spalle già un cartellino giallo. La risposta di Rocchi dal campo: “Ok, va bene… Ma sei d’accordo con il rigore, Paolo?”. Paolo, quello della voce stentorea dalla sala Var, altri non è che Paolo Valeri. A un ascolto appena più che superficiale emerge così che il Var, da protocollo muto se non in rarissime occasioni, almeno a Londra ha arbitrato con e al posto dell’arbitro. Tutto normale? No. Soprattutto se a sdoganare l’errore è un prodotto video passato al setaccio dalla Uefa. Se poi si pensa che quel Paolo (Valeri) è lo stesso Paolo (Valeri) al Var nel famoso Inter-Juventus dell’aprile 2018 i conti non tornano. Nella notte del rosso mancato a Pjanic che, forse, decise lo scudetto togliendolo al Napoli di Sarri, la spiegazione ufficiale data al silenzio di Valeri davanti alla topica di Orsato in campo è sempre stata che il Var non può mai e non è mai intervenuto per ‘suggerire’ un’ammonizione. Man in the middle dice il contrario. Chissà se il capo degli arbitri Uefa (il torinese Rosetti), quello italiano (Rizzoli) e Napoli hanno qualcosa da dire…

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Previous articleAllegri al PSG?
Next articleMalagò non molla

Più articoli dello stesso autore

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Web tax, si parte. Dal rapporto con Usa ai paradisi fiscali, ecco i nodi da sciogliere

L’anno in corso segna una svolta importante per la tassazione dell’economia digitale, essendo prevista la prima effettiva applicazione della web tax italiana. Non mancano, tuttavia, questioni ancora da chiarire, soprattutto in riferimento ai rapporti, particolarmente critici, con l’amministrazione statunitense. A ciò si aggiunge l’assenza di un coordinamento a livello internazionale dovuta all’attuale emergenza da COVID-19

Make America Work Again. Il piano shock di Biden sul lavoro in Usa

Sleepy Joe ha deciso di scommettere il tutto per tutto nei suoi primi 100 giorni: l' American Jobs Plan è il secondo colpo che l’amministrazione ha sparato nel giro di due mesi

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Quanto costano i calciatori al minuto: Dimarco e Young

Federico Dimarco (Verona) e Ashley Young (Inter), tra ingaggio e tempo giocato: quando costano al minuto questi calciatori?

Olimpia Milano, più che un trionfo è il minimo sindacale

Tutti pazzi per l'Olimpia Milano, tornata alle Final Four di Eurolega dopo 29 anni. Ma attenzione a festeggiare per il "trionfo"

I 50 mila del calcio femminile

Nessuno conferma e nessuno al momento parla di cifre ufficiali, ma tra gli addetti ai lavori girano cifre che sanno tanto di reale...

Juventus verso la rifondazione, tra addii e nuovi arrivi. Rumors

La Juventus è diventata una polveriera: tutti contro tutti all'insegna del si salvi chi può. Ecco chi si prepara all'addio e chi è arriva...

Superlega, Gravina il mediatore tra Uefa e Juventus

Ufficialmente il confronto è ancora su toni aspri. Anzi, si sta incattivendo ogni giorno che passa come dimostra l’apertura del procedimento disciplinare...