Sports Il "migliore del secolo"... E quel conflitto d'interessi di CR7

Il “migliore del secolo”… E quel conflitto d’interessi di CR7

Forse Ronaldo sarà anche il miglior giocatore del secolo (con 80 anni di anticipo). Ma non può deciderlo l’agenzia di Jorge Mendes che lo assiste

Cristiano Ronaldo miglior giocatore del ventunesimo secolo? Diremmo di sì secondo Globe Soccer, che ha attribuito al fuoriclasse portoghese tale onorificenza a Dubai lo scorso 27 dicembre. Peccato che alla fine del secolo manchino ancora… 80 anni! Un po’ prematuro insomma stilare giudizi definitivi, ma soprattutto bisogna far luce su chi ha assegnato tale premio. Il Globe Soccer è un riconoscimento che esiste da un decennio, peccato che molti non sappiano il deus ex machina di tale vernissage. La Gestifute, ovvero l’agenzia del potente Jorge Mendes che vanta tra i suoi principali assistiti proprio CR7. E il campione di Madeira ogni anno al Globe Soccer vince sempre il trofeo quale miglior calciatore al mondo. Solo un caso? Non diremmo. Anzi. È un po’ come se domattina Mino Raiola organizzasse un premio ad Amsterdam e incoronasse Zlatan Ibrahimovic. Non sarebbe uno scandalo visto il valore del giocatore, però sarebbe strano il contrario considerando il conflitto di interessi. Lo stesso che lega Mendes, Ronaldo e il Globe Soccer. Per le classifiche sul più forte di tutti i tempi meglio aspettare di far finire la carriera a Cristiano, anche perché c’è in scena ancora un certo Leo Messi. Nel dorato mondo di Dubai si sono scordati, troppo facilmente, della Pulce. D’altronde si sa che Ronaldo presenzia a queste cerimonia soltanto quando vince. Altrimenti il 7 della Juventus marca visita. Per informazioni chiedere a Pallone d’Oro e Fifa World Player, quando vinse Messi per la sesta volta sorpassando proprio l’eterno rivale. Quella sera Ronaldo preferì restare in Italia per ritirare il titolo di MVP della Serie A al Gran Galà AIC piuttosto che volare a Parigi all’evento di France Football.

FraFloris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adizione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale

Più articoli dello stesso autore

Come fare team building virtuale senza morire dentro

Nonostante pandemia e smart wroking, si possono fare attività di gruppo, anche virtualmente

E tu sei pronto ai team distribuiti?

Gestire una squadra quando non tutti sono in presenza non è facile, ed è una skill da imparare

Gli shopper sono i nuovi rider?

Altro che crisi, la pandemia ha aiutato i servizi di delivery, portandoli a casa di 40 milioni di italiani

Notizie Correlate

Chi c’è dietro Transfermarkt?

La Bibbia del calcio mondiale viene aggiornata da una persona sola che lo fa "per divertimento"

Questa Supercoppa non s’ha da fare

Dal Coni al governatore Bonaccini, i tentativi di De Laurentiis per spostare il recupero di Napoli-Juventus