Sports Il ciclismo italiano in crisi nera alla prova del palcoscenico olimpico

Il ciclismo italiano in crisi nera alla prova del palcoscenico olimpico

Ora che le luci della premiazione sui Campi Elisi si sono spente sarebbe ora di tirare le somme su quello che è stato il Tour de France 2021. E non stiamo parlando del vincitore, Tadej Pogacar, talmente superiore che la classifica di fatto si è chiusa alla prima tappa di montagna con una progressione alla Pantani che ha surclassato le gambe e la testa dei suoi avversari. Talmente superiore da far nascere qualche dubbio sulla regolarità della corsa…

La crisi profonda del ciclismo italiano

Parliamo del Tour de France in salsa italiana. E qui siamo al disastro. Uno zero assoluto, specchio dello stato attuale del nostro ciclismo.

Per trovare un azzurro in classifica generale bisogna arrivare alla posizione numero 13 dove si trova Mattia Cattaneo, con i suoi belli 24 minuti di ritardo. Eternità.

Ma la cosa ancor più grave è lo zero nella casella delle vittorie di tappa. E non ci siamo nemmeno andati vicino…

A certi livelli il ciclismo non mente. Le lacune non si mascherano ma emergono con tutta la loro drammatica forza.

Ciclismo italiano in crisi: dopo Nibali nessun corridore da corse a tappe

In Italia non c’è più un corridore da corse a tappe; dopo Nibali, che ormai si avvia alla fine di una gloriosa carriera e che ha candidamente ammesso di non potere più nulla contro gli avversari della nuova generazione, non ne è nato un altro. E non si vede nulla all’orizzonte. La morale è che a meno di miracoli per i prossimi 5 anni, Giro, Tour, Vuelta sarà terreno di caccia per gli stranieri.

Il ciclismo spera nella riscossa olimpica (ma con scarse possibilità)

E non è che le cose migliorino se si pensa alle grandi corse a tappe. Alberto Bettiol dopo il clamoroso trionfo al Fiandre 2019 si è un po’ perso. Di sicuro non può nulla contro i fenomeni di oggi: Van Aert, Alaphilippe, Van der Poel hanno altro passo, fanno gara a parte. Si spera nella gara in linea olimpica di Tokyo, disertata da qualche big, ma le possibilità sono piuttosto scarsine.

Le speranze di vittoria riposte in Filippo Ganna

Ci resta solo Filippo Ganna, autentico fenomeno mondiale ma purtroppo limitato alla cronometro o all’inseguimento in pista. Importante, importantissimo, ma nulla a che fare con le gare monumento o i grandi giri.

Il nostro ciclismo è in crisi, profonda, forse senza precedenti. E purtroppo con la programmazione si possono creare buoni corridori, non i fenomeni. Quelli che servirebbero come il pane e che oggi non abbiamo.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Marcell Jacobs guadagnerà come un calciatore (anche grazie a Fedez)

Marcell Jacobs guadagnerà tanto dopo la medaglia d'oro conquistata alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Solo la medaglia potrebbe valere fino a 5 milioni di euro.

Olimpiadi di Tokyo, tutti gli atleti lombardi saliti (fino ad ora) sul podio

Le Olimpiadi di Tokyo 2021 hanno registrato sul podio diversi atleti lombardi dalla spedizione azzurra. Un dato curioso e statistico che rimarrà negli annali sportivi.

Gregorio Paltrinieri, quando gareggia nei 10 km a Tokyo

Quando gareggia Gregorio Paltrinieri nei 10 km di fondo a Tokyo? Mercoledì 4 luglio alle ore 23:30 italiane, nelle dell'Odaiba Marine Park.

Ciclismo su pista, Italia in finale per l’oro (con record del mondo)

Ciclismo su pista, nell'inseguimento a squadre l'Italia si gioca l'oro. Contro la Nuova Zelanda la squadra stampa il nuovo record del mondo

Chi sono Ruggero Tita e Carolina Banti, oro nella vela categoria Nacra 17

Chi sono Ruggero Tita e Caterina Banti, i nuovi campioni olimpici della vela nella categoria Nacra 17. I due si sono incontrati nel 2016.