Sports Ferrari e il Mondiale 2022: la vittoria una "mission impossible"?

Ferrari e il Mondiale 2022: la vittoria una “mission impossible”?

La stagione della Ferrari, dopo le prime gare, merita già una riflessione. Che porta allo storico dilemma del bicchiere mezzo pieno e mezzo vuoto. A guardare le posizioni infatti il miglioramento è evidente. La Rossa è stabilmente tra il quarto e l’ottavo posto in lotta con la McLaren per il titolo di «Terza forza del Mondiale».

Ferrari, Leclerc-Sainz a un minuto dal vincitore

Le buone notizie per Ferrari però finiscono qui e soprattutto per il futuro c’è poco da stare allegri. Perché le prestazioni, se in prova non sono poi così male, in gara portano Leclerc e Sainz tra i 50” ed il minuto dal vincitore. E qui bisogna essere onesti. Il motore della Rossa non è più quello da ultimo posto del mondiale dello scorso campionato. Ci sono più cavalli e più potenza. Ma non solo questo.

Per Ferrari il dilemma gestione gomme in gara

Le regole di questo mondiale hanno portato tutte le macchine ad andare più piano rispetto allo scorso anno, in gergo tecnico si dice che le auto hanno «perso carico aerodinamico» (e quindi in curva vanno più piano, frenano prima, accelerano dopo). Ecco, la Ferrari di fatto non è migliorata da questo punto di vista; è solo stata penalizzata meno rispetto agli avversari. In più in gara la gestione delle gomme resta un dilemma, un nuovo tallone d’Achille.

Ferrari e la missione (impossibile) di vincere il Mondiale 2022

Considerazioni queste che portano alla vera domanda di questa stagione: riuscirà la Ferrari a vincere il Mondiale 2022, quello delle nuove regole e delle nuove macchine? Se per quest’anno a Maranello se la possono cavare con un 4° o 5° posto il prossimo anno si deve puntare al gradino più alto del podio. Ed oggi, pensare che si riesca a costruire una vettura in grado di superare Verstappen ed Hamilton sa molto di impossibile. Passare da 10° a 4° è un conto. Vincere è un’altra partita.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Olimpiadi 2021: Di Francisca, Velasco e il giornalismo dei buonisti. A Tokyo è vietato criticare

La Rai allontana Elisa Di Francisca dopo le critiche alla squadra di Fioretto femminile e lo scontro con Julio Velasco. Ipocrisie di un giornalismo che non critica mai nessuno

Russia, scopre di aver dato alla luce il figlio di un’altra donna: errore durante la fecondazione in vitro

Dà alla luce il figlio di un’altra donna, per un errore durante una fecondazione in vitro in Russia. Gli embrioni erano stati scambiati.

Incendi in Sardegna: Elisabetta Canalis lancia una raccolta fondi. “Questa emergenza mi ha toccato in prima persona”

Per incendi in Sardegna Elisabetta Canalis lancia una raccolta fondi. E il Banco di Sardegna presenta due misure per aiutare tutti.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Olimpiadi 2021: Di Francisca, Velasco e il giornalismo dei buonisti. A Tokyo è vietato criticare

La Rai allontana Elisa Di Francisca dopo le critiche alla squadra di Fioretto femminile e lo scontro con Julio Velasco. Ipocrisie di un giornalismo che non critica mai nessuno

Chi è Gianmarco Tamberi, l’azzurro in finale nel salto in alto alle Olimpiadi di Tokyo: età, carriera, vita privata

Chi è Gianmarco Tamberi, lo specialista in salto in alto ora in finale alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Età, carriera e vita privata dell'atleta

Hamilton e Verstappen: continuano le polemiche dopo l’incidente in F1

L'incidente tra Hamilton e Verstappen ha scatenato polemiche che continuano dopo il contatto in pista nel Gran Premio di Silverstone.

Federica Pellegrini torna già in vasca per la staffetta mista 4×100: data, ora, come vedere la diretta tv dalle Olimpiadi Tokyo 2021

Federica Pellegrini continua a nuotare alle Olimpiadi di Tokyo per la staffetta mista 4x100. Dara, ora e come vedere la diretta della finale.

Filippo Tortu, il primo atleta italiano a scendere sotto i 10″ nei 100 metri

Filippo Tortu è il primo atleta italiano a scendere sotto i 10" nei 100 metri. Battuto una leggenda come Pietro Mennea