Sports La Serie A ha fatto arrabbiare l'Emiro, ora sono guai per i...

La Serie A ha fatto arrabbiare l’Emiro, ora sono guai per i diritti tv

In attesa che si chiuda la partita dei diritti tv della Serie A per il prossimo triennio, la Lega ha sbandierato con grande soddisfazione l’accordo con CBS che porterà le immagini del nostro campionato nel Nord America garantendo ai club un guadagno di 170 milioni nel triennio notevolmente più alto rispetto a quello incassato fin qui. Bene, bravi, possibilmente bis. Anche se non sarà possibile e alla fine i conti non torneranno quasi certamente perché è impossibile che i manager della Confindustria del pallone riescano ad arrivare per i diritti esteri alla fatidica quota di 345 milioni di euro a stagione del triennio dal 2018 a oggi.

L’accordo con beIN

La ragione è la storia di un clamoroso autogol del calcio italiano. Un mix di fallimenti tra strategia industriale e diplomazia commerciale che ha spinto la Lega a scegliere l’uovo subito lasciando sfuggire la gallina del domani. L’uovo è rappresentato dai milioni di euro (22) dell’accordo con l’Arabia Saudita per tre edizioni della Supercoppa italiana da disputarsi al caldo del deserto. La gallina sono (erano) i 170 all’anno garantiti da beIN Sport, broadcast del Qatar che a questo giro non si è nemmeno presentato al bando e ha caldamente consigliato i suoi intermediari di fare altrettanto, col risultato che – nella migliore delle ipotesi – la Serie A per l’area Medio Oriente e Africa incasserà poco più della metà.

L’ira del Qatar

La ragione? Dal 2019 i dirigenti italiani sanno che la scelta di giocare la Supercoppa in Arabia Saudita non è stata digerita dagli emiri qatarioti. Colpa della guerra scoppiata tra beIN e BeoutQ, la piattaforma che secondo il Qatar si è potuta sviluppare con la complicità del governo saudita e che rilancia a prezzi stracciati le immagini delle partite acquistate a caro prezzo da beIN. Una sorta di pezzotto, per capirci, finito al centro di una guerra diplomatica che ha travolto anche il calcio italiano. Il quale non ha potuto o voluto uscire dal contratto, malgrado le pressioni sempre più forti dell’ex partner commerciale, fino ad arrivare allo spegnimento del segnale e adesso al boicottaggio del bando.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Nuovo ospedale San Paolo e San Carlo a Milano, quanto costa il “polo unico”? Il documento esclusivo di Regione

San Paolo e San Carlo a Milano, quanto costerebbe unire gli ospedali? L'analisi economico-gestionale comparativa in esclusiva su True Pharma

Ecco le lauree scientifiche che servono all’Italia. Il report Anpal-Unioncamere

Campo energetico-ambientale ma anche chimico, matematico e fisico. Ecco le principali lauree che serviranno all'Italia

La squadra che guida il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le sperimentazioni cliniche

Il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le sperimentazioni cliniche? Sarà guidato da Remuzzi, Brusaferro e Magrini

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Juventus, logo arcobaleno? Il politically correct ci ha rotto le palle

Diventa arcobaleno il logo della Juventus, che si è voluta esprimere così a favore delle differenze, in un momento in cui il...

Calciomercato, Chalanoglu trasloca dal Milan all’Inter per 5 milioni all’anno

Calciomercato, Chalanoglu passa all'inter per 5 milioni all'anno. Il Milan ne offriva 4, giudicati troppo pochi dal turco

Christian Eriksen, miracolo a metà: i medici gli hanno salvato la vita (ma il futuro è lontano dal calcio)

Grazie alla grande professionalità dei medici, Christian Eriksen sta bene. Ma il suo futuro sarà lontano dai campi da calcio

Sport in tv (non solo calcio): dalla Rai ad Eurosport, promossi & bocciati

Giugno è tempo di bilanci per la televisione. I principali palinsesti si travestono d'estate dandoci la possibilità di riflettere su quello...

Bobo Tv, chi ti sopporta più… Che nostalgia della freschezza Vieri-Cassano a Tiki Taka

Vieri e Cassano avevano portato a Tiki Taka anni fa una bella ventata di freschezza. Ma con Bobo Tv ecco che si è finiti per esagerare