Andrea Radrizzani, il Re Mida dei diritti tv, dello sport e della finanza

Un manager che non sbaglia un colpo, da anni e che sta diventando giorno dopo giorno sempre più forte.

Nel mondo dello sport, dei diritti tv e della finanza c’è un Re Mida, uno che da anni tutto quello che tocca diventa oro. Un manager che non sbaglia un colpo, da anni e che sta diventando giorno dopo giorno sempre più forte. eppure in pochi, pochissimi sanno chi è, soprattutto in Italia. E la cosa ancora più curiosa è che lui è proprio italiano. Andrea Raddrizzani. «Nessuno è profeta in patria» dicevano i latini ma quanto successo attorno ad , è davvero curioso. 

Dazn compra Eleven Sport e Radrizzani incassa una cifra mostre

Basta guardare quanto accaduto pochi giorni fa: Dazn ha annunciato l’acquisizione di Eleven Sport, società che gestisce i diritti tv via streaming di decine e decine di eventi sportivi: calcio, basket, rugby, tutte cose di altissimo livello. In Italia, tanto per dire, parliamo della Serie C, dell’Eurolega etc etc etc. Si tratta di un affare che, dicono da DAZN dovrebbe portare ad un aumento dei ricavi fino a 300 milioni di euro l’anno.

Un affare quindi a 9 cifre per Andrea Radrizzani che nei comunicati ufficiali compare a malapena nel fondo del testo ma incassa una cifra mostre (e segreta) portandosi a casa un posto nel board di Dazn con la qualifica di Executive Director ed una quota azionaria del 5%. Per il portafoglio della famiglia Radrizzani e dei suoi eredi sarebbe già sufficiente questo, ma c’è dell’altro, molto altro.

Radrizzani infatti qualche anno fa  aveva acquistato il Leeds

Radrizzani infatti qualche anno fa con gli introiti di Eleven Sports aveva acquistato il Leeds, storica squadra del calcio inglese finita in seconda serie, per 100 milioni. Investimenti ed organizzazione hanno fatto si che il Leeds tornasse dopo due anni in Premier League. Morale: oggi la squadra ne vale almeno 600 di milioni e le trattative per la sua cessione (intera o di quote di minoranza) non mancano. Ed ecco la seconda miniera d’oro.

Raddrizzanni aveva anche avviato Live Now

Ma siccome Radrizzani è un manager evidentemente con delle doti non comuni ha anche avviato due anni fa Live Now, piattaforma dedicata alla musica ed all’intrattenimento. Tanto per fare un esempio ha coperto il tour di Due Lipa. Tutte società le sue che chiudono da anni e sempre con bilanci in attivo, mentre ad esempio Dazn si è trovata davanti dei passivi anche pesanti.

Ha più volte proposto un nuovo modello di gestione dell’intero mondo del calcio, soprattutto alla Lega di Serie A

Radrizzani aveva poi cercato di entrare in vari modi nel calcio italiano. Il primo, diretto, tentando di acquistare la Salernitana, un anno e mezzo fa. Lo ricordate? Erano i tempi in cui De Laurentiis doveva cedere la società salita in Serie A e non trovava un compratore. Radrizzani ha raccontato di aver fatto un’offerta interessante per l’acquisto della società attraverso una mail ufficiale. Non se ne fece nulla semplicemente perché «nessuno mi ha mai risposto».

Inoltre ha più volte proposto un nuovo modello di gestione dell’intero mondo del calcio, soprattutto alla Lega di Serie A: la sua ricetta? Uffici all’estero per far conoscere e quindi vendere meglio il prodotto del nostro campionato ed una nuova gestione manageriale. Ovviamente anche su questo è calato il silenzio.

Se qualcuno pensa che le porte in faccia dei nostri illuminati dirigenti lo abbiano in qualche modo scomposto si sbaglia di grosso.

Radrizzani è si italiano ma la sua mente, la sua visione, è europea, anzi, mondiale. Re Mida non ha un regno ed un trono ma tutto quello che tocca diventa oro.