Sports Amazon paga e... non piace alla Serie A

Amazon paga e… non piace alla Serie A

La Serie A ha salutato stappando uno spumante di quelli buoni la notizia che Amazon è intenzionata a scendere in campo nella guerra per i diritti tv del prossimo triennio. In epoca di pandemia e di vacche magre, tutti quelli che vogliono portare soldi in un sistema ormai sull’orlo dell’asfissia sono benvenuti, soprattutto se aiutano i dirigenti del calcio italiano a rompere il monopolio Sky (ora candidato partner anche in caso di nascita del canale autonomo della Lega stessa). Tutti felici e… scontenti, però. Perché il modello Amazon, che serve oggi a tappare i buchi aperti dalla crisi, non è detto che sia il modello ideale di domani. Il motivo lo ha spiegato in tempi non sospetti il dirigente di più larghe visioni che risponde al nome di Andrea Agnelli, numero uno della Juventus e della potente Eca, l’associazione che raggruppa i club europei.

Amazon, Netflix e gli altri, ha spiegato Agnelli, “sono operatori con i quali noi società non veniamo a conoscenza del comportamento del cliente finale e la disintermediazione è utile quando elimina un terzo (operatore ndr) e permette di andare direttamente al cliente finale per sapere chi è, cosa mangia, quando dorme e tutto il resto”. Tradotto: Amazon e gli altri useranno il calcio come cavallo di Troia per entrare ancora più nei device e nelle case degli italiani, ma raccoglieranno e useranno quella massa di dati per implementare il proprio business e non quello delle multinazionali del pallone. Che sognano, invece, un futuro in cui tv, giornali, siti e piattaforme siano solo clienti marginali perché la profilazione sarà diretta. E un tifoso arriverà a considerare Juventus, Inter, Milan e tutte le altre compagnie di entertaiment e commerciali prima ancora che squadre di calcio. L’era delle media company è solo l’inizio. Amazon va bene per chiudere una falla, ma per fare l’ultimo passo bisognerà sbarazzarsene in fretta.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Quanto costano i calciatori al minuto: Dimarco e Young

Federico Dimarco (Verona) e Ashley Young (Inter), tra ingaggio e tempo giocato: quando costano al minuto questi calciatori?

Olimpia Milano, più che un trionfo è il minimo sindacale

Tutti pazzi per l'Olimpia Milano, tornata alle Final Four di Eurolega dopo 29 anni. Ma attenzione a festeggiare per il "trionfo"

I 50 mila del calcio femminile

Nessuno conferma e nessuno al momento parla di cifre ufficiali, ma tra gli addetti ai lavori girano cifre che sanno tanto di reale...

Juventus verso la rifondazione, tra addii e nuovi arrivi. Rumors

La Juventus è diventata una polveriera: tutti contro tutti all'insegna del si salvi chi può. Ecco chi si prepara all'addio e chi è arriva...

Superlega, Gravina il mediatore tra Uefa e Juventus

Ufficialmente il confronto è ancora su toni aspri. Anzi, si sta incattivendo ogni giorno che passa come dimostra l’apertura del procedimento disciplinare...