Zaporizhzhia: “Disastro nucleare più simile a Fukushima che Chernobyl”

Quanto è probabile un disastro nucleare nella guerra tra Russia e Ucraina? Gli esperti vedono Zaporizhzhia più Fukushima che Chernobyl

I servizi segreti ucraini hanno lanciato l’allarme; poi ripreso nell’incontro che tra Zelensky, Erdogan e il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres. Quindi un video della Cnn che ha geolocalizzato dei mezzi militari russi dentro la sala turbine dell’impianto. Il timore è che la Russia possa mettere in scena una “provocazione” nella centrale nucleare di Zaporizhzhia. Alla base del sospetto ci sarebbe l’annuncio di un giorno libero fuori programma per tutti gli impiegati dell’impianto tranne il personale operativo.

Indizi che hanno fatto pensare a scenari drammatici, in grado coinvolgere a livello radioattiva una grossa fetta d’Europa. Ma quanto è probabile un disastro nucleare nel corso della guerra tra Russia e Ucraina?

Spettro nucleare

La minaccia che danni collaterali del conflitto possano sfociare in un disastro alla centrale nucleare più grande d’Europa aleggia sin dai primi giorni di guerra. Timori rinnovati la scorsa settimana, quando i bombardamenti si sono intensificati intorno al complesso di Zaporizhzhia, da marzo finito sotto il controllo russo.

Il capo delle forze di difesa chimiche e biologiche russo ha avvertito in questi giorni come un incidente al sito nucleare spanderebbe materiali radioattivi verso Germania, Polonia e Slovacchia. Gli attacchi al complesso sono aumentati, con il lancio di razzi nel sud dell’Ucraina, fino a spingere Nazioni Unite e leader mondiali a chiedere la visita del sito e la valutazione dei danni da parte di una missione internazionale.

Gli esperti nucleari sperano di disinnescare l’allarme, spiegando come le minacce alla centrale siano ingiustificate.

Affermano che un qualsiasi confronto con il disastro di Chernobyl sia altamente improbabile. “Non è molto probabile il danneggiamento di questo impianto”, ha detto alla Galileus Web Leon Cizelj, presidente della Società nucleare europea. “Nel caso molto improbabile che ci sia, il problema radioattivo colpirebbe principalmente gli ucraini che vivono nelle vicinanze”, senza dunque diffondersi in tutta l’Europa orientale.

Più Fukushima che Chernobyl

“Se dovessimo guardare alle esperienze passate, Fukushima potrebbe essere un confronto con lo scenario peggiore”, ha aggiunto Cizelj.

Il riferimento è al grave ma più localizzato crollo dello stabilimento giapponese nel 2011. I danni più gravi coinvolgerebbero gli ucraini che vivono nel nelle vicinanze dello stabilimento, che si trova sulle rive del fiume Dnipro, a sud della città di Zaporizhzhia, e dal personale ucraino che vi lavora ancora.

Secondo Energoatom, la compagnia nucleare statale ucraina, gli incendi dell’impianto di Zaporizhzhia nelle ultime settimane hanno danneggiato un impianto di stoccaggio a secco.

Lì sono conservate botti di combustibile nucleare esaurito nell’impianto; così come rilevatori di monitoraggio delle radiazioni.
Il 5 agosto, diverse esplosioni vicino al quadro elettrico hanno causato l’interruzione dell’alimentazione e un reattore è stato disconnesso dalla rete elettrica, ha affermato il capo dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) delle Nazioni Unite. Rafael Mariano Grossi ha detto al Consiglio di sicurezza dell’Onu che la situazione è peggiorata “al punto da essere molto allarmante”.

Piovono accuse e razzi

Kiev ha ripetutamente accusato le forze russe di immagazzinare armi pesanti all’interno del complesso e di usarle come copertura per lanciare attacchi, sapendo che l’Ucraina non può rispondere al fuoco senza rischiare di colpire uno dei sei reattori dell’impianto. Mosca, nel frattempo, ha affermato che le truppe ucraine stanno prendendo di mira il sito. Entrambe le parti hanno cercato di puntare il dito contro l’altra con l’accusa di terrorismo nucleare.

Aumentano le richieste di consentire a una missione dell’AIEA di visitare il complesso. Ma i combattimenti sono continuati nonostante la preoccupazione. Il 16 agosto, le autorità ucraine hanno affermato che la città di Nikopol, dall’altra parte del fiume Dnipro rispetto all’impianto, è stata nuovamente colpita da razzi. “Il bombardamento ha minacciato la sicurezza degli operatori che lavorano sul sito e ci sono state segnalazioni secondo cui un lavoratore è stato colpito da schegge e portato in ospedale”, ha detto alla Galileus Web Henry Preston, responsabile delle comunicazioni della World Nuclear Association con sede a Londra.

Quanto sono sicuri i reattori nucleari della centrale?

Le moderne centrali nucleari sono estremamente ben rinforzate per prevenire i danni causati da ogni tipo di attacco, come i terremoti, e Zaporizhzhia non fa eccezione. “Come tutte le centrali nucleari, contiene vari sistemi di sicurezza ridondanti, che in circostanze normali sono molto efficaci”, ha detto alla CNN James Acton, il co-direttore del Programma di politica nucleare presso il Carnegie Endowment for International Peace. “Il problema è che le centrali nucleari non sono progettate per zone di guerra e, in circostanze plausibili, tutti questi sistemi potrebbero fallire”, ha aggiunto.

I sei reattori dell’impianto – solo due dei quali sono attualmente in funzione – sono protetti da un involucro di acciaio e cemento spesso un metro. “I bombardamenti casuali non possono davvero distruggerlo, sarebbe davvero improbabile”, ha detto Cizelj. Se i reattori venissero attaccati da bombardamenti deliberati e mirati, il rischio aumenterebbe, ma anche questo richiederebbe un’operazione “molto, molto qualificata“, ha affermato. Sebbene l’Ucraina non sia un membro dell’Unione Europea, Cizelj ha detto alla CNN che si aspettava che le precauzioni di Zaporizhzhia fossero “paragonabili” a quelle dei paesi dell’UE, dove gli impianti devono aderire a rigide regole di sicurezza nucleare.

Lo scenario peggiore per una centrale nucleare

Gli impianti nucleari utilizzano una serie di sistemi di sicurezza ausiliari, come generatori diesel e connessioni alla rete esterna, per mantenere freschi i reattori. Zaporizhzhia utilizza anche uno stagno spray, un serbatoio per raffreddare l’acqua calda dall’interno della pianta. Se quei sistemi si guastassero, il reattore nucleare si riscalderebbe rapidamente, innescando una fusione nucleare.
Sarebbe lo scenario peggiore, hanno detto gli esperti. Ma, sebbene sarebbe disastroso a livello locale, hanno spiegato che non avrebbe un impatto importante sull’Europa in modo più ampio.

“Il pericolo principale qui è il danneggiamento dei sistemi necessari per mantenere fresco il combustibile nel reattore. Linee elettriche esterne, generatori diesel di emergenza, apparecchiature per dissipare il calore dal nocciolo del reattore”, ha affermato Acton. “In una guerra, riparare queste apparecchiature o implementare contromisure potrebbe essere impossibile. Nel peggiore dei casi, il carburante potrebbe sciogliersi e diffondere grandi quantità di radioattività nell’ambiente”. Anche un attacco alle strutture utilizzate per immagazzinare il combustibile nucleare esaurito – combustibile che viene rimosso dopo l’uso in un reattore – rappresenta un rischio, con il potenziale rilascio di materiale radioattivo nell’area circostante. Ma, hanno detto gli esperti, non sarebbe andato lontano.

Il capo di Energoatom, Petro Kotin, ha detto che uno sciopero all’inizio di agosto era vicino all’area di stoccaggio del carburante trasformato. “Questo è molto pericoloso, perché i razzi colpiscono da 10 a 20 metri di distanza dal deposito, ma se avessero colpito i contenitori con il carburante trasformato, sarebbe un incidente con le radiazioni”, ha detto Kotin alla televisione ucraina. Se si colpisce un container, “sarà un incidente locale sul territorio dell’impianto e del territorio vicino. Se si tratta di due o tre container, l’area interessata aumenterà”, ha aggiunto.

Zaporizhzhia è diversa da Chernobyl

I bombardamenti intorno a Zaporizhzhia hanno innescato gli allarmi di un’altra “Chernobyl” – il peggior disastro nucleare del mondo. Ma ci sono numerose differenze tra le due centrali ucraine e gli esperti insistono sul fatto che una ripetizione del cataclisma del 1986 è essenzialmente impossibile.
L’impianto di Chernobyl utilizzava reattori RBMK moderati a grafite di epoca sovietica, privi di una moderna struttura di contenimento: una cupola di cemento e acciaio progettata per prevenire qualsiasi rilascio di radiazioni.

Al contrario, ciascuno dei sei reattori dell’impianto di Zaporizhzhia sono reattori ad acqua pressurizzata racchiusi in una massiccia nave d’acciaio, alloggiata in un edificio di contenimento in cemento. Il progetto si chiama VVER, acronimo russo di reattore energetico acqua-acqua. “I freni su questo tipo di reattori sono molto migliori”, ha detto Cizelj. “Se ci fossero danni a questi reattori, sarebbe molto più facile spegnerli”.

La scala di un ipotetico tracollo nucleare sarebbe anche molto più piccola di quella di Chernobyl, hanno affermato gli esperti. Dopo la fusione del 1986, la ricaduta radioattiva si è diffusa in gran parte dell’emisfero settentrionale, mentre circa 150.000 chilometri quadrati in Bielorussia, Russia e Ucraina sono stati contaminati, secondo l’AIEA . Quella contaminazione si è diffusa fino a 500 chilometri a nord del sito.

L’analogia con Fukushima

Gli esperti suggeriscono invece che il possibile caso peggiore assomiglierebbe di più a un altro disastro più recente. “Fukushima è un’analogia migliore di Chernobyl”, ha detto Acton. “In questo caso, potrebbero essere necessarie evacuazioni per decine di chilometri intorno all’impianto, soprattutto sottovento. Nel bel mezzo di una guerra sarebbero eccezionalmente pericolose”. Qualsiasi ricaduta radioattiva si diffonderebbe a circa 10 o 20 chilometri da Zaporizhzhia prima che cesserebbe di rappresentare seri rischi per la salute, suggeriscono gli esperti. “Se qualcuno fosse in grado di causare lo scioglimento dei reattori, (i gas) potrebbero fuoriuscire nell’atmosfera e viaggererebbero con il vento fino a quando non vengono spazzati via dall’atmosfera”, ha detto Cizelj. “Con la distanza, si verifica la diluizione, quindi molto presto la diluizione diventa sufficiente affinché l’impatto non diventi molto grave per l’ambiente e per la salute delle persone”. Ma per le persone che vivono nell’Ucraina meridionale dilaniata dalla guerra, un disastro nucleare non è il pericolo più immediato. “Se lo confronti con gli altri rischi che stanno affrontando, questo rischio non è molto grande”, ha aggiunto.