Politics Chiara Ferragni e Ddl Zan, l'attacco a Matteo Renzi "I politici fanno...

Chiara Ferragni e Ddl Zan, l’attacco a Matteo Renzi “I politici fanno schifo”. E il leader di Italia Viva risponde

Il botta e risposta tra Chiara Ferragni e il leader di Italia Viva Matteo Renzi si consuma, nella mattinata di martedì 6 luglio, proprio sul Ddl Zan. Il disegno di legge in discussione al Senato infatti, già approvato in prima lettura alla Camera, rischia concretamente di essere messo definitivamente da parte. Il motivo? Il flirt tra Matteo Renzi e Matteo Salvini, con Renzi sempre più disponibile a recepire le modifiche del centrodestra (ma ciò vorrebbe dire, secondo Pd e Movimento cinque stelle, annacquare le basi della legge).

Ddl Zan, Chiara Ferragni e l’invettiva a Matteo Renzi: “Che schifo che fate politici”

Chiara Ferragni contro Matteo Renzi su Instagram

Questa presa di posizione di Matteo Renzi, di fatto decisiva visti i numeri d’aula del Senato, non è affatto piaciuta a Chiara Ferragni. L’influencer da 24 milioni di followers infatti, a sorpresa, nella mattinata di martedì 6 luglio si è scagliata contro l’ex premier tramite la pubblicazione di tre stories. E la frase scritta in un post che ritrae il viso di Matteo Renzi (“Che schifo che fate, politici!“) riassume perfettamente il pensiero della imprenditrice digitale. La quale, assieme al marito Fedez, è da mesi schierata in favore dell’approvazione della legge Zan così com’è. “La triste verità è che nonostante una legge che tuteli le donne, disabili e persone appartenenti alla comunità lgbtq+ serva nel nostro paese e sia attiva nel resto d’Europa da decenni, in Italia non verrà mai approvata perchè la nostra classe politica preferisce guardare sempre il proprio interesse personale“. Ferragni ha poi aggiunto che “la tutela contro l’odio verso queste categorie dovrebbe essere un obiettivo di tutta la popolazione e di tutti i partiti politici, ed il fatto che il ddl zan non verrà mai approvato è una grande sconfitta per tutti noi. Una sconfitta per ognuno di noi” ha concluso l’influencer.

Matteo Renzi e la replica sul ddl Zan a Chiara Ferragni: “Si confronti pubblicamente con me”

Immediata la replica di Matteo Renzi a Chiara Ferragni, a conferma della “potenza social” di cui gode l’influencer di Cremona. “Chiara Ferragni entra nel dibattito sulla Legge Zan dicendo ai suoi 24 milioni di follower: “Che schifo che fate politici”, con la mia faccia. Ho sempre difeso Ferragni – spiega il senatore fiorentino – da chi la criticava quando postava dagli Uffizi o da chi vorrebbe minimizzare il ruolo degli influencer. Lo faccio anche oggi. Fa bene Chiara Ferragni a dire quello che pensa. Solo che da lei mi aspettavo qualcosa in più di una frasina banale e qualunquista.Dire che i politici fanno schifo è il mediocre ritornello di chi vive di pregiudizi“. “Sapete chi fa davvero schifo in politica? – ha proseguito Renzi – fa schifo chi non studia, chi non approfondisce, chi non ascolta le ragioni degli altri, chi pensa di avere sempre ragione. Io ho firmato la legge sulle unioni civili, mettendoci la fiducia: quella legge dura più di una storia su Instagram. E Per firmarla ho preso insulti. Se Chiara Ferragni vuole confrontarsi sugli articoli 1, 4, 7 della legge Zan e sugli emendamenti Scalfarotto io ci sono. Se Chiara Ferragni vuole conoscere come funziona il voto segreto al Senato, ai sensi dell’articolo 113.4 del Regolamento, io ci sono. Ma sia chiaro. La politica, cara Ferragni, è un’attività nobile e non fa schifo“.

Il senatore e leader di Italia Viva, duqnue, conclude dicendosi disponibilea un dibattito pubblico con la dottoressa Ferragni, dove vuole e come vuole. Sono sempre pronto a confrontarmi con chi ha il coraggio di difendere le proprie idee in un contraddittorio. Se ha questo coraggio, naturalmente”.

Ddl Zan, Fedez a Matteo Renzi: “Stai Sereno”

Dopo al replica social di Matteo Renzi a Chiara Ferragni, interviene per una replica al senatore anche Fedez (questa volta su twitter). “Matteo, stai sereno, che oggi c’è la partita”, è la risposta del marito di Chiara Ferragni.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

Quali saranno le città che ospiteranno i prossimi giochi olimpici? Fino al 2032 le Olimpiadi sono già state assegnate, e fioccano candidature in vista del 2036

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver