Politics Sala: "Sicuri si voti a maggio? Sbagliato iniziare ora la corsa"

Sala: “Sicuri si voti a maggio? Sbagliato iniziare ora la corsa”

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala continua a non sciogliere le riserve sulla possibilita’ di correre per un secondo mandato e stavolta spiega di avere anche dei dubbi sulla data delle prossime elezioni a causa dell’emergenza sanitaria. In collegamento con Dataroom di Milena Gabanelli, ricorda “che le elezioni regionali sono slittate di sei mesi”. “Noi, fino alla primavera saremo in questa situazione. Siamo sicuri che andremo a votare a maggio? Io ho dei dubbi – ammette -, non sapendo niente, perche’ nessuno sa niente”. “Per tutti questi motivi iniziare la corsa adesso e’ sbagliato dal mio punto di vista” ha ribadito. “Alla gente – continua Sala – interessa quello che faccio per loro giorno per giorno. Tutto il resto non gli interessa. A me hanno iniziato a chiedere gia’ prima delle vacanze (se mi sarei ricandidato, ndr.), ma oggi bisogna stare sul pezzo, questi sono dialoghi che interessano i giornali non la gente”.

Lockdown a Milano, Sala: “Ora no, abbiamo 10 giorni per decidere”

“Non sono d’accordo adesso” su un lockdown a Milano. Cosi’ Sala ha commentato le parole di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, che ha detto che sarebbe “necessario” un lockdown a Milano e Napoli. Sala era in diretta con la giornalista Milena Gabanelli a Dataroom del Corriere della Sera. “Non mi hanno consultato, non credo che sia così e lo dico nel rispetto di Ricciardi – ha aggiunto -, ho appena ricevuto un sms di un virologo di cui mi fido molto che dice che ieri c’erano circa 80 pazienti intubati a Milano e 200 in Lombardia. Anche nella peggiore delle ipotesi avremmo 10-15 giorni per decidere un eventuale lockdown. La media intensità di cura è il punto che intasa gli ospedali, che hanno il tema di una massa enorme di ricoveri. Non credo sia irrisolvibile e che ci debba portare a un lockdown generale adesso”. Alla giornalista che gli ha chiesto se potrà esserci una chiusura totale tra 15 giorni il sindaco Sala ha risposto che “non ho elementi per dirlo”.

“Dieci miliardi di danni per Milano? Stima realistica”

Dieci miliardi di danni? “A occhio si, credo che sia una prima stima realistica”. Così Sala, rispondendo a chi gli chiedeva se una stima di dieci miliardi di euro potesse essere una stima attendibile dei danni che Milano ha subito con la pandemia tra febbraio 2020 e, in proiezione, febbraio 2021.

Sala: “Contrario a didattica totalmente a distanza”

Sulla didattica a distanza per le scuole superiori al 100% “non ero e non sono d’accordo”. Tuttavia “se Fontana lo ha deciso, lo rispetto istituzionalmente, anche se non sono d’accordo”. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, in collegamento con Dataroom di Milena Gabanelli sulla scelta della Regione Lombardia di portare la didattica a distanza al 100% alle superiori a causa dell’innalzamento dei contagi. Una decisione che aveva provocato l’opposizione dei sindaci, che pure avevano condiviso la bozza dell’ordinanza in cui era prevista questa misura. “Abbiamo avuto 40 minuti per leggerla e la Regione due giorni, magari l’avremo letta di fretta ma tra la bozza e l’ordinanza e’ cambiato il testo. Io sono per una didattica alternata” ha concluso.

“Non sono contrario allo smartworking ma va cambiato lo statuto dei lavoratori”

Sala e’ tornato sulla polemica innescata a giugno dalle sue parole sullo smart working. “La politica e’ interpretazione della realta’ e del momento. Quando ho fatto il richiamo sullo smart working vedevo una finestra aperta, ma io non sono concettualmente contrario allo smart working, ma che lo sia veramente. Oggi non e’ cosi’. Credo anche che vada cambiato radicalmente lo statuto dei lavoratori”, ha ribadito Sala, lanciando un monito: “Se non stiamo attenti, andiamo verso un cottimo digitale che e’ pericolosissimo. Ci sono tutta una serie di attivita’ che fatte da Milano o da Tirana non cambia nulla. Stiamo attenti”.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Riccardo Muti: biografia, figli e carriera di un ambasciatore italiano nel mondo

Chi è Riccardo Muti, il celebre direttore d'orchestra che oggi, 28 luglio, compie 80 anni. Biografia, figli e carriera di un ambasciatore...

Stefano De Martino e Fiammetta Cicogna si sono sposati (ma è solo una scena di un film)

L’ex ballerino di Amici insieme alla modella e conduttrice Fiammetta Cicogna stanno girando il film dal titolo Il giorno più bello.

Chi è Aldo Montano, sciabolatore alla quinta olimpiade: età, carriera sportiva, vita privata – FOTO

Aldo Montano è uno sciabolatore italiano alla sua quinta partecipazione alle Olimpiadi. Un record a 43 anni.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cuba e Haiti, Venezuela e Colombia: l’America Latina in fiamme. L’estate rovente tra crisi e fermento sociale

Nei paesi del Sud America come Argentina, Cuba, Haiti, Venezuela e Colombia la crisi non si placa. E c'è il rebus Usa-Biden

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano

Omicidio Voghera, cosa è successo in 10 anni con le armi: ecco quante sono le licenze in Italia e chi le possiede

Omicidio Voghera, il tema delle armi in casa torna d'attualità. Chi abita nei piccoli centri più propenso a dotarsi del porto d'armi