Politics La schiena dritta per la città. Nessuno può essere il re di...

La schiena dritta per la città. Nessuno può essere il re di Milano

Come ho detto ieri, quando ci si rapporta con la città, dal primo cittadino all’ultimo abitante di periferia, bisogna avere la capacità di capire che si è piccoli. Tutti quanti. Perché Milano è superiore a tutti, Milano non è solo un luogo, è una storia millenaria, è un complesso di forze e di intelligenze. Non esiste e non è mai esistito il re di Milano. E’ una espressione che non usiamo, e non useremo mai. Se a Roma ci sono stati sette re, e svariate altre centinaia (l’ultimo noto: Totti), a Milano no. Al massimo a Milano si può comandare, e per un periodo limitato, e solo per investitura popolare. Funziona così, o meglio, come diceva giustamente Maran, a Milano non si usa come a Roma. Non si usa il ricatto e non si usa la lusinga.

Perché questo preambolo? Perché di questa cosa si devono ricordare tutti gli investitori privati e soprattutto nel campo immobiliare, che si rapportano con la grande città sotto la Madonnina. Non si può ricattare la città, non si può subordinare un intervento a un aumento di volumetria, non si può pensare di influenzare la scelta politica, non si può pensare di creare una situazione di “leva” da usare contro la città. Quel sistema l’abbiamo vissuto, a Milano, ed è finito. Era il sistema Ligresti, e i danni, ferite ancora aperte su tutto il territorio, sono visibili ancora oggi. Sogno che insieme alla transizione ambientale ci sia questo, nel programma politico del prossimo sindaco: la schiena dritta anche di fronte a chi pensa di essere più chic, più bello, più giusto nel mondo, ma è comunque inferiore a una città che non va solo rispettata, ma amata e venerata.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare